Respirare meglio a casa: Consigli per ridurre l'inquinamento dell'aria interna

Laura Rossi

Updated on:

tempo di lettura : 2 minuti
Ambiente
Tempo di lettura: 2 minuti

In un contesto in cui l’inquinamento e le sue ripercussioni sulla salute rappresentano temi di crescente preoccupazione, è fondamentale prestare attenzione anche all’ambiente domestico. L’inquinamento dell’aria interna può derivare da diverse fonti, come l’emissione di luci artificiali durante la notte, spesso provenienti dalle infrastrutture urbane come l’illuminazione stradale, ma anche dall’uso di prodotti chimici per la pulizia della casa o dall’accumulo di polveri e allergeni.

Bronchite nei bambini: sintomi e prevenzione

La bronchite nei bambini, ad esempio, è un’infezione delle alte vie respiratorie che può essere causata da virus e batteri presenti nell’aria. La bronchite si manifesta principalmente d’inverno, quando le temperature scendono e le persone trascorrono gran parte del loro tempo in ambienti chiusi, dove l’inquinamento dell’aria interna può causare problemi respiratori. Per prevenire la bronchite nei bambini, è importante garantire una buona qualità dell’aria all’interno della casa.

Come garantire una migliore qualità dell’aria durante l’inverno

Durante i mesi invernali, è necessario adottare alcune misure per assicurarsi che l’aria all’interno della casa sia il più pulita possibile. Innanzitutto, è fondamentale ventilare gli ambienti anche quando fa freddo: aprire le finestre per almeno dieci minuti al giorno permette di rinnovare l’aria e ridurre la concentrazione di inquinanti. Inoltre, è opportuno evitare l’utilizzo di prodotti chimici aggressivi per la pulizia della casa, optando invece per prodotti naturali o ecologici, che possono contribuire a limitare la presenza di sostanze dannose nell’aria.

leggi anche  Una tappa storica nella lotta all'inquinamento in Italia e in Europa: una nuova era

Prodotti convenzionali vs prodotti “verdi”: quale scegliere?

Uno studio realizzato dall’Ong EWG ha voluto confrontare i prodotti convenzionali con quelli “verdi” e senza profumi per valutare quali fossero i più adatti a garantire un’ottimale qualità dell’aria interna. I risultati hanno evidenziato come l’uso di prodotti convenzionali comporti un rischio maggiore di respirare composti dannosi, mentre i prodotti “verdi” e privi di profumazioni sintetiche si sono dimostrati più efficaci nel ridurre l’inquinamento dell’aria interna. Pertanto, per migliorare la qualità dell’aria nella propria casa, è consigliabile optare per prodotti naturali ed ecologici.

Alcuni suggerimenti pratici per ridurre l’inquinamento dell’aria interna

Oltre a ventilare gli ambienti e utilizzare prodotti ecologici, esistono altri accorgimenti che possono aiutare a garantire un’ottimale qualità dell’aria all’interno della casa. Tra questi:

Limitare l’utilizzo di candele profumate, in quanto possono rilasciare sostanze chimiche nell’aria;
Utilizzare piantine da appartamento, che contribuiscono ad assorbire alcuni inquinanti presenti nell’ambiente interno;
Pulire regolarmente tappeti e moquette, che possono trattenere polvere, peli degli animali e altri allergeni;
– Installare un sistema di purificazione dell’aria o un deumidificatore per controllare il livello di umidità nella casa, evitando la formazione di muffe e acari.

Mantenere una corretta igiene ambientale per tutelare la salute dei bambini

Adottando queste semplici misure, è possibile contribuire significativamente a ridurre l’inquinamento dell’aria interna e garantire un ambiente più sano per tutta la famiglia, soprattutto per i bambini. La loro salute, infatti, risente maggiormente delle conseguenze dell’esposizione agli inquinanti ambientali, pertanto è fondamentale mantenere una corretta igiene ambientale nelle abitazioni, al fine di prevenire patologie come la bronchite e altre problematiche respiratorie tipiche del periodo invernale.

Condividi questo articolo con i tuoi amici!