La popolazione di squali in caduta libera nonostante le regole sulla pesca

Marco Bianchi

tempo di lettura : 3 minuti
Ambiente
la-popolazione-di-squali-in-caduta-libera-nonostante-le-regole-sulla-pesca
Tempo di lettura: 3 minuti

Nonostante gli sforzi per stabilire regole sulla pesca e proteggere la biodiversità, un recente studio pubblicato sulla rivista Science ha rivelato che la popolazione di squali sta subendo una rapida diminuzione. Secondo il rapporto, tra il 2012 e il 2019, il numero di squali uccisi dalla pesca è passato da circa 76 milioni a più di 80 milioni l’anno. Almeno 25 milioni di questi appartenevano alle specie protette.

Questo drammatico declino mette in evidenza l’urgente necessità di nuove misure di conservazione e protezione della vita marina.

Le cause del declino degli squali

Ci sono diverse cause alla base del declino della popolazione di squali. Innanzitutto, la pesca intensiva e le pratiche di pesca insostenibili hanno portato all’uccisione di un gran numero di squali, sia intenzionalmente che accidentalmente.

Ad esempio, molti squali vengono uccisi incidentalmente mentre si cerca di pescare altre specie come tonni o spadafish.

Inoltre, alcune specie di squali sono oggetto di pesca mirata a causa dell’elevata domanda di pinne di squalo per la zuppa di pinne di squalo, una prelibatezza asiatica. In molti casi, agli squali vengono tagliate le pinne e poi vengono rigettati in mare ancora vivi, condannandoli a morte.

Distruzione degli habitat marini

Un’altra importante causa del declino della popolazione di squali è la distruzione del loro habitat naturale. La pesca su larga scala, l’inquinamento delle acque e lo sviluppo costiero hanno portato alla perdita di molte aree di riproduzione e alimentazione degli squali.

leggi anche  Eliminare la muffa e i cattivi odori nelle scarpe: soluzioni naturali per un rimedio efficace
la-popolazione-di-squali-in-caduta-libera-nonostante-le-regole-sulla-pesca

Il cambiamento climatico rappresenta anche una grave minaccia per gli squali, in quanto l’innalzamento della temperatura degli oceani può avere effetti negativi sulla loro biologia, distribuzione e abbondanza.

Le conseguenze dell’estinzione degli squali

La rapida diminuzione della popolazione di squali potrebbe avere gravi conseguenze per gli ecosistemi marini e la biodiversità globale. Gli squali sono predatori al vertice della catena alimentare e svolgono un ruolo fondamentale nella regolazione delle popolazioni di altre specie marine.

Senza di loro, potrebbero verificarsi squilibri ecologici con effetti potenzialmente devastanti per l’intero ecosistema marino.

Inoltre, gli squali sono anche importanti per il turismo subacqueo e la pesca sportiva, attività che generano entrate significative per molte economie locali. La loro scomparsa avrebbe quindi anche conseguenze economiche negative per le comunità che dipendono da questi settori.

La necessità di nuove misure di conservazione

Affinché gli squali possano riprendersi e prosperare, è essenziale introdurre nuove misure di conservazione volte a proteggerli dalla pesca insostenibile e dalla distruzione dell’habitat. Questo può includere l’istituzione di aree marine protette in cui la pesca è severamente limitata o vietata, così come la promozione di pratiche di pesca più sostenibili.

Un’ulteriore azione importante è rafforzare e far rispettare le leggi esistenti sulla conservazione degli squali, come il divieto di tagliare le pinne di squalo e rigettarli in mare ancora vivi. È anche fondamentale aumentare la consapevolezza dei consumatori sui problemi legati alla pesca degli squali e incoraggiare un consumo più responsabile dei prodotti ittici.

Coinvolgimento della comunità internazionale

Per garantire la sopravvivenza degli squali, è necessario un impegno congiunto da parte dei governi, delle organizzazioni non governative e delle istituzioni scientifiche. Solo attraverso una solida cooperazione internazionale si potranno sviluppare e attuare strategie efficaci per la conservazione degli squali e il mantenimento della biodiversità marina globale.

leggi anche  Ondata di freddo estremo nel Nord Europa: -43,6°C registrati in Svezia

La drammatica diminuzione della popolazione di squali è un campanello d’allarme per l’ambiente marino e la biodiversità globale. È fondamentale agire ora per proteggere queste creature eccezionali dai rischi insostenibili che si trovano ad affrontare, garantendone la sopravvivenza per le generazioni future.

Condividi questo articolo con i tuoi amici!