Progetto Vincitore Expo 2015

Newsletter

Calendario eventi

Marzo 2015
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
4
10
11
13
16
17
18
22
23
24
25
26
27
29
30
31

GdfCorsico – Sventata una frode fiscale da un milione e mezzo di euro. La Compagnia della Guardia di Finanza di Corsico (MI), nel corso della costante attività d'indagine volta alla repressione dell'evasione fiscale ha individuato una società di capitali operante nel settore del commercio dei metalli ferrosi, con sede a Cusago, che abbatteva il proprio "conto fiscale" attraverso l'annotazione di fatture per operazioni inesistenti.

Le complesse indagini esperite hanno delineato un più ampio sodalizio criminale composto da un considerevole numero di società che rispettivamente emettevano o annotavano fatture false.

Il sistema evasivo utilizzato dalla ditta di Cusago era in estrema sintesi strutturato su una serie di società estere da cui la società verificata si approvvigionava di fatture per operazioni inesistenti. Costi fittizi che servivano ad abbattere l'utile d'impresa e conseguentemente le imposte dovute all'erario.

Il sistema aveva fruttato bene all'imprenditore facendogli accumulare in breve tempo un discreto tesoretto in Svizzera che aveva tentato di salvaguardare aderendo allo scudo fiscale del 2009, sicuro di poter sfuggire così al Fisco italiano. Tali precauzioni a nulla sono valse. Appena le Fiamme gialle hanno formulato la proposta di misure cautelari patrimoniali che avrebbero portato al sequestro dei beni dell'imprenditore, quest'ultimo si è precipitato a pagare la somma di 700.000 € che ha così estinto il debito con l'erario.

Le indagini, spiegano gli inquirenti hanno permesso di appurare un meccanismo fraudolento, purtroppo sempre più utilizzato da imprenditori spregiudicati che troppo soventemente, affidandosi talvolta anche a consigli di commercialisti compiacenti, pur di abbattere il debito con l'erario non si fanno problemi ad adottare tali comportamenti criminali.

I responsabili, oltre alle sanzioni pecuniarie sono stati deferiti, in concorso tra loro, alla Procura della Repubblica di Milano ed ora rischiano fino a sei anni di reclusione.


RUBRICHE
Palio Di Leganano
 
Rubrica-TeatroSociale
 
Enogastronomia
 
Rubriche ruotepedali
 
Expo Milano 2015
 
Rubrica Arte
 
Rubrica Interviste



SEGUICI SU


RegioneLombardia Regione Piemonte

Logo provincia Milano

Provincia di Varese

tssss
Expo Logo-Fondazione-Orizzontale resize LionsClub2 Distretto dei Laghi logoDistretto33