Progetto Vincitore Expo 2015

logoTurismo LogoSempioneShopping
logoExpo logoDistretto33
Newsletter

Calendario eventi

Ottobre 2014
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
municipioSan Vittore Olona - Funziona il provvedimento sul canone non ricognitorio. Il comune sanvittorese ha già incassato 25 mila euro. Sfruttando difatti un'occasione sfuggita alla precedente Amministrazione, a fine novembre del 2012 la giunta guidata dal sindaco Marilena Vercesi ha approvato il regolamento comunale per l'applicazione del canone patrimoniale non ricognitorio riconosciuto da un decreto legislativo del 1997, una procedura non automatica ma che avviene su richiesta delle singole Amministrazioni.

«Con l'approvazione del Regolamento, le occupazioni permanenti del demanio e del patrimonio stradale del Comune  - spiega Vercesi - sono diventate soggette ad un canone detto in termini burocratici "non ricognitorio". In altre parole significa che ogni azienda di servizi (come Telecom, Eni, Enel, ecc.) che utilizza il soprassuolo e/o il sottosuolo  per installare cavi, tubi, pali, condutture o cartellonistica, deve versare al Comune stesso un corrispettivo  che parte da un minimo di 2 euro fino ad un massimo di 8 per metro lineare, così come previsto dalla Legge. E' insomma un'occasione che non ci siamo lasciati sfuggire soprattutto quando, per una volta, i soggetti che sono tenuti a pagare  sono grandi società  che fanno profitti esorbitanti, a giudicare dalle campagne  pubblicitarie milionarie che si possono permettere. Devo rilevare che purtroppo anche in questa scelta non abbiamo avuto l'appoggio dei consiglieri di opposizione che, per pura miopia, non hanno compreso gli evidenti vantaggi e la bontà della scelta dettata dal buon senso e volto al perseguimento del bene comune con un ritorno economico a beneficio dell'intera cittadinanza».

E i risultati di questa politica orientata a gestire al meglio il patrimonio di cui il Comune dispone, conti alla mano, saranno già evidenti in occasione della presentazione del prossimo Bilancio di previsione: nel primo quadrimestre del 2013 il Comune ha già infatti incassato 25mila euro, ai quali se ne aggiungeranno successivamente altri 33mila che deriveranno dal canone per  le reti idriche,  così come recentemente confermato dalla Provincia di Milano.


RUBRICHE
Palio Di Leganano
 
Expo Milano 2015
 
Enogastronomia
 
Rubriche ruotepedali
 
Rubrica Arte
 
Rubrica Interviste

AsseSempione_Corsi

PARTNERS

SEGUICI SU


RegioneLombardia Regione Piemonte

Logo provincia Milano

Provincia di Varese

Expo Logo-Fondazione-Orizzontale resize LionsClub2 logo Distretto dei Laghi