Progetto Vincitore Expo 2015

PrimoPiano (503)

Nerviano - Soundtracks festival atto primo. Parte il 30 agosto 2013 a Nerviano in località Garbatola l'edizione 2013 della celebre rassegna sovracomunale di jazz e blues. Il primo show spetta
a alla cantante afroamericana Peaches Staten & Luca Giordano Band
Peaches Staten nasce a Doddsville nel delta del Mississippi, musicalmente cresce in quel di Chicago, dove ha condiviso la scena e registrato con i migliori bluesmen.
Ha una voce versatile che le garantisce ottime performances in tutto il panorama musicale a livello mondiale; suona egregiamente il Wash Board, dando un supporto ritmico incredibile alle sue esecuzioni e creando un impatto visivo che cattura il pubblico. Nel Maggio 2010 e' uscito il suo ultimo cd, live at Legends di Chicago (club di Buddy Guy).
Sul palco, Peaches offre uno show che spazia dal blues al soul/funk, supportata da una band di grande esperienza che valorizza la sua stupenda voce e personalissima presenza scenica.
Luca Giordano è uno dei più appassionati e competenti musicisti blues italiani della nuova generazione E' stato ospite al Chicago Blues Festival 2006 insieme alla leggendaria band di Muddy Waters e si è esibito nei più importanti circoli blues, in numerosi festival e in alcuni dei più famosi locali Blues della Windy City come il Buddy Guy's Legends.
Collabora con diversi artisti di fama internazionale. In Italia è stato in tour con Shirley King, figlia del Re del Blues BB King, con Mr. Chris Cain, icona per tutti i chitarristi Blues, e con il grande sassofonista Sax Gordon Beadle. Attualmente viaggia tra gli States e l'Italia collaborando con numerosi musicisti nostrani e d'oltreoceano: Big Jack Johnson, Billy Branch, Bob Stroger, Bonnie Lee, Carlos Johnson, Les Getrex, Linsey Alexander, Peaches Staten, Matthew Skoller, Junior Watson, Enrico Crivellaro ed altri.

Milano - 1300 eventi ed il portale VeryBello per raccontarli. Questa la proposta del ministro dei Beni culturali e del Turismo, Dario Franceschini, per Expo Milano 2015. "L'occasione per lavorare sul modello del 'museo diffuso', ha spiegato il ministro, obiettivo, valorizzare l'offerta turistica del bel Paese. Dalla Biennale d'Arte di Venezia ad Umbria Jazz, dai classici immortali del Teatro Greco di Siracusa, fino al festival degli artisti di strada di Ferrara, passando per il Giardino dei Tarocchi di Niki de Saint Phalle, con VeryBello per viaggiare in Italia attraverso l'offerta culturale nei sei mesi dell'Expo che si terrà a Milano a partire dal Primo maggio. La piattaforma è stata presentata questa mattina a Palazzo Chigi dai ministri per i Beni culturali, Dario Franceschini, e delle Politiche agricole, Maurizio Martina, e il commissario di Governo per Expo 2015, Giuseppe Sala.

Legnano - Iniziate sul territorio le iniziative per la commemorazione della Giornata della Memoria. In particolare Venerdi 23 gennaio nella sala Pagani del Palazzo Leone da Perego alle ore 21 è stato proiettato un toccante film documentario intitolato "Shoah" di Claude Lanzmann, sullo sterminio di ebrei a Treblinka in Polonia, una dimostrazione che tutto quello che era avvenuto nei lager nazisti era vero. Moderatori della serata il Prof. Giancarlo Restelli e la Dr.ssa Renata Pasqualotto che sapientemente hanno introdotto l'argomento attestando che anche il territorio dell'Altomilanese è stato colpito dalle brutalità della cosiddetta "razza ariana". Presenti alla serata anche l'assessore alla Cultura e Pari Opportunità Francesca Raimondi e il Presidente dell'ANPI (Associazione Nazionale Partigiani D'Italia) Luigi Botta.
In sala tanti studenti,erano presenti alcune classi dell'IS Carlo Dell'Acqua sezione serale,  associati Anpi, alcuni superstiti e cittadini.
Il film rappresenta uno dei più importanti documenti francesi sulla deportazione e lo sterminio che si distingue per durata e qualità delle immagini. In Francia il film che risale al 1985, era della durata complessiva di nove ore, in Italia è stato invece condensato in un' ora. Il regista francese ha lavorato 12 anni a questa importante pellicola. Diversi legnanesi infatti hanno deciso di partecipare all'incontro in occasione della Giornata della Memoria che cadrà martedi 27 gennaio.
"I legnanesi colpiti dal nazifascismo erano lavoratori che provenivano per lo più da alcune aziende e a seguito del loro arresto sul posto di lavoro, finivano direttamente nei campi di sterminio – racconta con emozione la Dr.ssa Pasqualotto. "Ad Auschwitz ad esempio dal 1942 al 1944 si moriva soprattutto per il monossido di carbonio delle camere a gas che era il metodo di sterminio più utilizzato dai nazisti per eliminare il maggior numero di persone in breve tempo, una vera "macchina infernale" logicamente organizzata e dall'apparenza inosservata (i confini erano infatti invalicabili). Ha osservato il prof. Restelli . E' possibile visitare il Museo di Auschwitz con plastici delle camere a gas e dei forni crematori in Polonia. La frase dichiarata nel filmato che ha emozionato la sala è stata certamente quella di un superstite che affermava "nella lotta contro la morte il padre non sa più chi è suo figlio..", numerose erano le famiglie ebree sterminate tra donne e bambini, certo, non soltanto uomini.
Segnaliamo altre iniziative sul territorio per la "Giornata della Memoria"

Maria Chiara Girola

Legnano - Dopo l'ennesima giornata di disagi e ritardi causati d aun guasto cresce la mobilitazione delle amministrazioni locali contro i disservizi di Trenord. Ieri i sindaci dei Comuni di Legnano, San Giorgio su Legnano, Canegrate, Parabiago, Nerviano, Pogliano Milanese e Vanzago, hanno richiesto un incontro urgente all'Assessore alla Mobilità di Regione Lombardia Alessandro Sorte al fine di comprendere la posizione di Regione Lombardia in merito alla urgente necessità di porre rimedio ai gravi e ripetuti disagi subiti dai pendolari e, contestualmente, all'esigenza di migliorare il servizio ferroviario offerto da Trenord sulla tratta Rho-Gallarate (S5/Direttrice 40).

Alcuni incontri sullo stesso tema sono stati organizzati nel corso del 2014, in particolare nel luglio limitatamente al Comune di Legnano alla presenza dell'ex Assessore Cavalli e nel dicembre per i Comuni di Vanzago e Pogliano Milanese alla presenza di due ingegneri dell'U.O. Servizi per la Mobilità, ma la situazione non solo non è migliorata, anzi, ma nemmeno la documentazione richiesta e promessa in questi incontri è stata distribuita ai Comuni.

Il problema in questione è particolarmente sentito dagli oltre 125.000 abitanti delle comunità rappresentate e più in generale di tutti coloro che utilizzano la tratta ferroviaria Legnano-Rho. Purtroppo, è diventando insostenibile ed inaccettabile per quei cittadini, principalmente lavoratori e studenti, che utilizzano quotidianamente il treno per raggiungere i luoghi di studio e di lavoro. Già alcuni consigli comunali hanno sollevato la necessità che Regione intervenga per correggere i disservizi quotidiani offerti da Trenord in particolar modo in materia di grave mancanza di carrozze e di ritardi e cancellazioni dei convogli. Con il nuovo orario entrato in vigore il 14 dicembre 2014, non solo vi è stato alcun miglioramento, ma la situazione diventerà sicuramente ancora più critica a maggio 2015 quando prenderà il via EXPO, con il flusso di visitatori straordinario che investirà direttamente i nostri territori.
Nell'incontro del 15 dicembre 2014, i tecnici di Regione Lombardia hanno indicato nel 31 gennaio 2015 la possibile data identificata da Trenord per vedere completati i lavori di manutenzione straordinaria dei treni necessari per ritornare ad essere pienamente operativi sulla tratta ferroviaria Gallarate-Rho, in conformità con il contratto di servizio.

Durante l'incontro con Regione Lombardia, i Sindaci dei Comuni interessati hanno intenzione di discutere dei seguenti temi e proposte in pieno spirito collaborativo e costruttivo:
1. Conoscere lo stato dei convogli destinati alla linea in oggetto, con particolare riguardo per l'attività di manutenzione straordinaria succitata;
2. Far sì che Trenord rispetti la composizione di treni attualmente prevista sulla linea S5 che nella fascia di punta della mattina è di 5 carrozze per i treni 23001 e 23003, di 5+3 carrozze per i treni 23005, 23007, 23009, 23011, per poi tornare a 5 carrozze dal treno 23013;
3. Inserire delle fermate aggiuntive nelle stazioni di Legnano, Canegrate, Parabiago, e Vanzago-Pogliano intervenendo sulle tracce dei treni regionali che provengono da Arona, Gallarate, Busto Arsizio, o Chiasso con un intervento limitato alle ore di punta nelle quali attualmente il trasporto ferroviario dimostra le criticità più elevate;
4. Ricevere i dati relativi al servizio offerto, con particolare riguardo per:
o numero dei passeggeri della linea S5 suddivisi nelle quattro stazioni della tratta Legnano-Rho, se possibile con l'andamento nel corso degli anni;
o il numero di utenti del servizio ferroviario nelle succitate stazioni durante la giornata;
o gli indici di puntualità sulla tratta in questione almeno a partire dal 2013;
o i risultati dell'analisi del sondaggio effettuato nel 2014 nell'ambito del percorso del Programma Regionale della Mobilità e dei Trasporti (PRMT);
o la matrice Origine/Destinazione (O/D) costruita in base ai dati raccolti nel 2014 e limitatamente alla tratta di interesse;
5. I verbali dei tavoli di quadrante a partire dal 2012.

È stato inoltre richiesto un approfondimento dedicato al tema della previsione di sviluppo e potenziamento del servizio sulla linea S5/Direttrice 40 durante EXPO, che dovrebbe già essere giunta a definizione vista l'imminenza della manifestazione.

In previsione dell'auspicato incontro in Regione Lombardia, per meglio ribadire le ragioni sottese alle richieste dei Sindaci e descrivere in maniera puntuale i disservizi relativi alla linea ferroviaria che interessa il tratto Legnano-Vanzago, sono stati organizzati per il giorno Giovedì 29 Gennaio 2015

o un sopralluogo con la stampa presso la stazione di Vanzago-Pogliano dalle ore 7.30 alle ore 8:30;

o una conferenza stampa alle ore 9.00 presso il Comune di Vanzago in via Garibaldi, 6.

Seguiranno altre iniziative da parte dei Sindaci in altre stazioni della tratta per monitorare la situazione, in attesa dell'incontro con Regione Lombardia e di auspicati miglioramenti.

IMG 3792 resizeLegnano - AEMME Linea Energie S.p.A. e la rete d'impresa Alberghi "La Milano che conviene" aderente all'Unione Confcommercio di Legnano e Magenta hanno siglato un accordo che consentirà agli hotel del network di accedere all'approvvigionamento di energia elettrica e gas naturale alle migliori condizioni di mercato. La rete d'impresa Alberghi "la Milano che conviene" ha infatti costituito un sistema turistico congressuale nell'area alto-milanese con servizi di accoglienza e intrattenimento in grado di promuovere e agevolare la permanenza dei flussi turistici sul territorio anche in vista di Expo Milano 2015.
"L'accordo siglato oggi e valido fino al 31 dicembre 2016 nasce nell'ambito della collaborazione avviata a febbraio 2014 tra l'Unione Confcommercio di Legnano e Magenta e AEMME Linea Energie. Con questo accordo Aemme si farà portavoce delle esigenze dei nostri iscritti" ha dichiarato il presidente dellUnione Paolo Ferrè soddisfatto dell'accordo tra Aemme energia e Rete di Imprese.

Grazie al protocollo d'intesa sottoscritto da Pierre Taillandier, Presidente del la rete d'impresa Alberghi "la Milano che IMG 3786 resizeconviene" e Davide Villa, Direttore Generale AEMME Linea Energia S.p.A, le strutture alberghiere associate alla rete potranno usufruire delle stesse condizioni che l'azienda energetica riserva esclusivamente ai clienti industriale, ovvero grandi aziende che hanno consumi annui superiori a 200mila metri cubi di metano e ai 500mila kwh di energia elettrica. A tal proposito l'ing. Davide Villa ha dichiarato: "Siamo lieti di offrire agli associati della rete d'impresa Alberghi "La Milano che conviene" nostri servizi. Grazie alla positiva collaborazione avviata lo scorso anno con Unione Confcommercio Legnano e a presenza fortemente radicata sul territorio abbiamo sviluppato una profonda conoscenza delle realtà che vi operano e delle loro esigenze. Proprio per questo abbiamo deciso di mettere a loro disposizione prodotti creati esclusivamente per le grandi aziende che consento nodi accedere indirettamente ai mercati all'ingrosso dell'energia e permettono di trasformare una tipica voce di costo come quella relativa alla fornitura di energia elettrica e gas, in una leva efficienza. Questo asset può diventare strategico per la IMG 3767 resizerete d'impresa Alberghi "La Milano che conviene" anche in vista dell'incremento di ospiti che le strutture alberghiere del territorio si aspettano durante Expo Milano 2015".

Dello stesso avviso il presidente Pierre Taillandier, che ha aggiunto: " E' con grande soddisfazione che oggi sottoscriviamo questo accordo con AEMME Linea Energie e Rete Alberghi "La Milano che conviene", che consolida e migliora, grazie anche alla nostra Associazione, i rapporti e le condizioni di fornitura già in essere come operatori singoli. Pertanto come già anticipato dall'ing. Villa, la neo costituita rete d'impresa degli alberghi godrà di agevolazioni create esclusivamente per le grandi aziende che per la nostra attività, vista anche la situazione economica in generale, è un forte segnaledi attenzione. Ringraziamo AEMMELinea Energie per la sensibilità dimostrata nel sostegno alla nostra rete che rientra in quella sinergia e progettualità di marketing delle aziende del territorio per il territorio della Milano che Conviene".
Il Dott. Galimberti, di AemmeEnergie, ha integrato "Offriremo alla Rete, i prrezzi che di solito pratichiamo all'industria. Gli associati potranno scegliere in base alle proprie esigenze tra l'opzione a prezzo fisso , che permette di bloccare la spesa per un anno e quella a prezzo indicizzato legata al prezzo spot della borsa elettrica e del gas, in linea con le migliori condizioni presenti sul mercato al momento della richiesta.
AEMME Linea Energie metterà inoltre a disposizione degli associati della rete d'impresa un esperto che fornirà previo appuntamento, consulenza e informazioni relative ai meccanismi di fornitura dell'energia elettrica e del gas e spiegazioni per una corretta lettura delle voci della bolletta".
In conclusione Luigino Poli, portavoce da sempre degli albergatori dell'Altomilanese e deus ex-machina insieme al presidente, ha concluso "Con questo accordo arriveremo a risparmiare circa il 5% della bolletta: per noi che facciamo grandi consumi è tantissimo. Inoltre nostra intenzione è di "girare" il vantaggio economico derivante ad integrare progetti di comunicazione che ci vedranno protagonisti sul territorio come l partecipazione a Bit 2015, Expo 2015, ed integrare il nostro sito www.milanocheconviene.it.
Enzo Mari

Galleria fotografica

Video:
Intervista a Pierre Taillandier
Intervento dell'Ing. Davide Villa   
Intervento di Luigino Poli  
Intervento di Paolo Ferrè   
intervento del Dott. Galimberti

Maroni davanti alla corona di teodolindaMilano - Da gennaio tantissime le iniziative verso Expo 2015, volte a rendere attrattivo il nostro territorio, le nostre eccellenze culturali, con particolar riferimento a quelle Lombarde dove insistono nove siti Unesco! "Il progetto, "Lombardia Unesco Tour" che presentiamo oggi- ieri ndr - è un atto di amore per continuare a valorizzare i dieci siti Unesco della nostra regione, con tanto di testimonial eccellenti, che ringrazio per la loro disponibilità e il loro impegno. Vogliamo aumentare l'impegno della Regione Lombardia nella valorizzazione di queste eccellenze lombarde in vista dell'Expo. Nei prossimi mesi milioni di visitatori verranno qui per l'Esposizione e potranno vedere queste nostre bellezze, che rappresentano non solo un patrimonio dell'umanità ma, prima di tutto, della Lombardia e di tutti noi lombardi"
Questo il commento del presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, ieri 22, alla presentazione, a Palazzo Lombardia, dell'iniziativa 'Lombardia Unesco Tour', il progetto istituzionale della Regione, che ha lo scopo di valorizzare tutti i nove siti Unesco, più quello immateriale del 'saper fare liutario' di Cremona, per Expo e anche per il dopo Expo. "Qui abbiamo un quinto di tutti i siti Unesco presenti in Italia - ha ricordato Maroni - che, in totale, sono 50. Qui abbiamo un patrimonio straordinario che vogliamo continuare a valorizzare. Il Governo ha stanziato nell'ultimo biennio 1.470.000 euro per valorizzare tutti i 50 siti Unesco nazionali, mentre noi, come Regione Lombardia, per i nostri 10 siti Unesco, abbiamo stanziato più di 4 milioni di euro, ovvero quattro volte tanto la cifra stanziata da Palazzo Chigi: questa è una dimostrazione di concretezza, di come vogliamo valorizzare i nostri siti Unesco. Abbiamo altre candidature di altri splendidi luoghi della Lombardia che possono diventare siti Unesco, come la Città Alta di Bergamo, il centro storico di Pavia, il Lago Maggiore e io ne aggiungo un altro ancora: la Cappella Teodolinda di Monza, che verrà riaperta nelle prossime settimane, per cui, in occasione del 'Forum Unesco', c he si terrà a settembre, chiederemo la candidatura affinché diventi Patrimonio dell'umanità". "Tra due settimane presenteremo, qui, a Milano, il Padiglione Lombardia - ha annunciato il presidente - che sarà presente dentro il sito Expo e quello sarà il luogo per promuovere e far conoscere la Lombardia e le sue bellezze, perché qui abbiamo dei luoghi di cultura, di arte e di storia unici al mondo. Vogliamo lanciare questa sfida: Lombardia come Regione dell'arte, della cultura, della storia, vogliamo investire sull'identità lombarda e l'iniziativa di oggi va proprio in questa direzione"
Puglisi"Sono felicissimo dell'impegno della Regione Lombardia per la valorizzazione dei siti Unesco del territorio. Mi riferisco all'impegno sia finanziario che morale che politico e ritengo che questo possa essere essenziale e da esempio per tutto il resto del Paese per la modalità con cui gli organismi di governo territoriale si assumono concretamente la responsabilità della valorizzazione dei loro patrimoni culturali. L'Expo può essere una occasione a livello nazionale per emulare la Regione Lombardia in questo progetto". Lo ha dichiarato il presidente della Commissione Nazionale Italiana per l'Unesco, Giovanni Puglisi, a margine della presentazione dell'iniziativa "Lombardia Unesco Tour", il progetto istituzionale della Regione per valorizzare tutti i nove siti Unesco lombardi (più quello immateriale del "saper fare liutario" di Cremona) per Expo e anche per il dopo esposizione.
A proposito dell'annuncio del governatore Maroni di voler candidare a patrimonio dell'umanità dell'Unesco altri splendidi luoghi della Lombardia, come la Città Alta di Bergamo, il centro storico di Pavia, il Lago Maggiore e la Cappella Teodolinda di Monza, Puglisi ha inoltre commentato: "Al di là della dichiarazione di intenti, che è molto importante, se vogliamo raggiungere l'obiettivo io credo che sia utile e necessario che si avvii attraverso la Commissione Nazionale Italiana per l'Unesco la proposizione delle candidature secondo le procedure stabilite. Non basta una volontà politica: c'è una trafila e una programmazione molto ben precisa per avanzare le candidature, prima alla lista italiana dei patrimoni per l'Unesco, perché abbiamo di recente istituito la lista italiana, e quindi poi alla lista dei patrimoni mondiali"
La Redazione

Vco - Il conto alla rovescia è partito e cresce l'emozione tra le protagoniste dell'edizione 2015 del Ballo delle Debuttanti di Stresa di APEVCO. Domenica 1 febbraio l'incontro conoscitivo all'Hotel Sheraton di Milano Malpensa, presso il Terminal 1.

Sarà l'occasione per le debuttanti e per rispettive famiglie di un primo confronto, tra loro e con lo staff di APEVCO (Associazione Promozione Eventi Vco) che da diversi anni organizza il Ballo. Nel corso dell'intera giornata le giovani avranno modo di presentarsi, raccontare i loro sogni ed aspirazioni, i motivi che le hanno portate ad intraprendere questa avventura e naturalmente sarà l'occasione per stringere le prime amicizie, legami che si consolideranno nel corso della settimana preparatoria al Gran Galà e che spesso diventano duraturi. Le giovani e i loro familiari incontreranno l'intero gruppo di persone che seguirà le ragazze passo dopo passo verso il debutto: hair stylists, make up artists, gli stilisti ma anche i responsabili dei corsi di bon ton, dizione, danza e portamento, gestione della propria immagine, lo psicologo e la nutrizionista. Momento 'da batticuore' sarà certamente la prima prova degli abiti da debutto, accuratamente preparati dagli atelier che collaborano col Ballo. presso l'Hotel Sheraton Malpensa, una prestigiosa location confermata anche quest'anno. "E' un momento importante, significativo ed emozionante- dichiara la Presidente di APEVCO Giovanna Pratesi-. ma anche culturale e di formazione. Per le partecipanti al Ballo 2015 test con domande relative alle lezioni che saranno poi impartite durante la settimana preparatoria al debutto. Un primo passo verso il Ballo che vedrà tante nuove iniziative davvero uniche e di prestigio. Si prospetta un'edizione ricca e di grande livello che sicuramente darà la giusta visibilità al territorio del Verbano Cusio Ossola e del Lago Maggiore"

L'appuntamento con il Ballo delle Debuttanti di Stresa di APEVCO è per sabato 7 marzo 2015 nella prestigiosa cornice dell'Hotel Regina Palace di Stresa, dove vennero incoronate le prime Miss Italia. La serata sarà presentata da Andy Luotto che approderà a Stresa dopo il successo raccolto con le fiction 'La Bella e la Bestia' su RAI 1 e 'Giulietta e Romeo' su CANALE 5.

Le ragazze, una ventina provenienti da tutta Italia, raggiungeranno il Lago Maggiore una settimana prima di quella data per prepararsi al Gran Galà, per seguire le lezioni, per visitare la zona. L'evento guarda infatti alla promozione del territorio ma anche alla solidarietà: quest'anno la collaborazione è con A.I.R.C. Sezione Piemonte e Val d'Aosta; Federica Colombo di Monza (MI), che è stata affetta da patologia oncologica, sarà la testimonial del sodalizio e parteciperà gratuitamente al Ballo. Ancora, si parlerà di sana alimentazione con un momento di incontro con l'esperta della nutrizione dell'Università degli Studi di Torino dott.ssa Carlotta Sacerdote e con l'evento BIOENOFOOD TASTING EVENT & EXPO a Villa Giulia a Verbania (28 febbraio/8 marzo 2015). Tra i cuochi più qualificati del territorio sarà presente anche Andy Luotto al Tasting Event, fissato per domenica 1 marzo 2015; per partecipare occorre prenotarsi al link: http://www.associazioneapevco.com/eventi-in-corso/bioenofood-tasting-event-expo/prenotazioni-tasting-event/. Ingresso libero invece all'expo di sabato 28/2 e domenica 1/3 e di venerdì 6/3, sabato 7/3 e domenica 8/3/2015.

Altra novità il reality 'Princess': la produzione racconterà la settimana preparatoria al Ballo attraverso la viva voce delle protagoniste e le loro emozioni. Ricordiamo che sono gli ultimi giorni utili per iscriversi al Ballo delle Debuttanti di Stresa di

APEVCO 2015. Tutte le informazioni sul sito: www.associazioneapevco.com, Oppure contattare i seguenti recapiti: , 0323-340604 388-3835190 349-5602949.
La Redazione

Legnano - Rimane molto confusa la situazione della Franco Tosi dopo l'incontro di ieri al Ministero dello Sviluppo Economico. Sulla vertenza Franco Tosi Meccanica Spa, sottoposta ad amministrazione straordinaria, ci sono i vari nulla di fatto da parte di tre possibili compratori, ed una situazione al limite del possibile fallimento, con 400 dipendenti che rischiano il lavoro. Così ha commentato il sindaco legnanese Alberto Centinaio:

«Devo purtroppo constatare che gli sforzi messi in atto dal Ministero dello Sviluppo Economico e dal Commissario straordinario non stanno dando ancora i risultati attesi. Le offerte pervenute, di cui siamo stati informati oggi a Roma, lasciano sussistere serie preoccupazioni sia sul fronte della salvaguardia dei posti di lavoro sia su quello della permanenza, nel medio e lungo periodo, del marchio Franco Tosi nel territorio legnanese. Do atto degli sforzi, della tenacia e della competenza che il dott. Castano prima ed il dott. Lolli poi hanno messo in campo.
Al fine di facilitare una soluzione soddisfacente della crisi, l'Amministrazione Comunale di Legnano ha immediatamente stabilito un rapporto di piena collaborazione con il Commissario straordinario Andrea Lolli ed ha garantito la massima disponibilità ad intervenire negli ambiti di propria competenza (urbanistica e viabilità, ovviamente nel quadro della revisione del PGT, che naturalmente dovrà essere approvato dal Consiglio Comunale), una volta che sia stata fatta salva la tutela dei posti di lavoro, la continuità aziendale ed il mantenimento del sito produttivo sul territorio legnanese.
Consapevoli degli impegnativi investimenti necessari per permettere alla nuova Franco Tosi di vincere le concorrenze sul mercato - investimenti che possono scoraggiare la maggior parte degli imprenditori potenzialmente interessati - abbiamo più volte chiesto, anche al tavolo ministeriale, quali sono le politiche governative in merito al piano energetico nazionale, ovvero: il nostro Paese vuole mantenere un ruolo forte sul mercato nazionale ed internazionale dell'energia, di cui le turbine sono un componente fondamentale?
Se la risposta è no, credo ci sia da farsi poche illusioni sulla possibilità di dare un futuro alla storica società legnanese. Se al contrario la risposta è si, bisogna che la politica governativa si traduca in pratica.
Non spetta al Sindaco di un Comune indicare le modalità degli auspicati interventi governativi. Ricordo una risposta polemica del dott. Castano ad una mia richiesta in merito: "Non è più epoca di industrie di Stato". Peccato però che poi gli indirizzi del Governo in altri settori siano stati di altra natura. Si vedano gli interventi statali sui casi Alitalia per il trasporto aereo, sull'Ilva per la siderurgia e su Ansaldo Energia.
Il Comune non vuole limitarsi a dare lezioni al Governo, ma è pronto a fare la propria parte. Verificato l'accordo del Consiglio Comunale ed ottenuto lo sblocco dallo Stato dei nostri soldi fermi da anni in Banca d'Italia dal Patto di Stabilità, potrebbe studiare possibilità e modalità per investire parte del proprio avanzo, che ammonta a circa 30 milioni di euro, su un convincente e lungimirante piano di rilancio della Franco Tosi Meccanica Spa, una società che è uno dei simboli della nostra città». Con la Tosi rischiano il posto circa 400 dipendenti.

La Redazione

 Milano - Sostegno al ritorno della Scuola Infermieri presso l'Ospedale 'Fornaroli' di Magenta e via libera alla realizzazione di nuove infrastrutture viabilistiche per migliorare la sicurezza stradale nel territorio dell'Alto Milanese.

Sono questi i passaggi più significativi dell'intervento del vice presidente e assessore alla Salute Mario Mantovani in Consiglio regionale in occasione della discussione della mozione avente ad oggetto i territori di Magenta, Rho e Legnano.

In particolare, è stato approvato dall'Assemblea di Palazzo Pirelli all'unanimità l'emendamento a firma del vice presidente di Regione Lombardia in relazione alla realizzazione di due nuove rotatorie nel Comune di Busto Garolfo e nel Comune di Dairago. "Si tratta di interventi indispensabili e ormai non più rinviabili - ha evidenziato Mantovani - per garantire la sicurezza stradale di questi luoghi che sono stati troppe volte in passato teatro di gravi incidenti".

Il vice presidente Mantovani ha quindi fatto sue le preoccupazioni espresse dall'assessore Massimo Garavaglia e dal consigliere regionale Fabio Altitonante circa le ricadute negative che potrà avere la Città metropolitana su questi territori. "Questo è il luogo in cui abitiamo - ha sottolineato Mantovani - per cui faccio miei questi timori, tanto più che all'interno della nuova Giunta della Città metropolitana non vi è alcun rappresentante del nostro territorio".

Contestualmente, la mozione chiedeva di riportare la Scuola Infermieri all'Ospedale 'Fornaroli' di Magenta. A questo proposito, l'assessore Mantovani, condividendo tale richiesta, ha anche evidenziato l'importanza d'intervenire affinché sul territorio sia favorito il raggiungimento degli standard dei posti letto ospedalieri e socio sanitari, con particolare riferimento all'Azienda Ospedaliera di Legnano, che attualmente sono inferiori rispetto alla media regionale e nazionale.

Da ultimo, il vice presidente ha ricordato il prezioso lavoro svolto dalle numerose associazioni che operano in una delle zone più industrializzate della provincia di Milano e che merita pertanto di essere valorizzato e incoraggiato.

IMG 3512 resizeRho – E' stato interessante, costruttivo e formativo il convegno che si è svolto all'Auditorium del Collegio dei Padri Oblati, "Terre di Expo: cultura e Città metropolitana", organizzato dal Patto per il Nord Ovest Milano, Polo Culturale Insieme Groane e Consorzio Sistema Bibliotecario Nord Ovest, con il contributo di Fondazione Comunitaria Nord Milano onlus, e la realizzazione tecnica di FiereIn srl e il consorzio di imprese Distretto 33.
Il Convegno sulla cooperazione culturale e le nuove sfide per il territorio "Terre di Expo, ha messo intorno al tavolo operatori, amministratori ed istituzioni che direttamente o indirettamente operano sul territorio nord ovest, raccolto dal patto dei sindaci che vede 16 comuni progettare lo sviluppo dell'area. Il convegno è stato aperto, in veste di padrone di casa, dal sindaco Pietro Romanoe consigliere della Città Metropolitana, il quale ha affermato:"Il nostro territorio ha una naturale predisposizione a mettersi insieme. Sul piano culturale prima, con iIMG 3586 resizel Sistema polo culturale, poi con il consorzio Insieme Groane ed infine con Supermilano le terre di expo esprimono delle eccellenze culturali degne di attenzione. Sarebbe opportuno che questa esperienza fosse trasportata nella città metropolitana finalizzata alla valorizzazione delle periferie. In sintesi, in vista di Expo, il territorio è già predisposto ed attrattivo". Il sindaco ha tracciato, in sintesi, il tema della giornata, raccolto da Giancarlo Cattaneo presidente di Insieme Groane, deus ex-machina di Supermilano, che ha affermato: "Il Sistema Culturale Supermilano, progetto avviato nel gennaio 2012 grazie al contributo di Fondazione Cariplo e conclusosi nel 2014, ha contribuito a rafforzare una visione condivisa del territorio del nord ovest milanese, attraverso la valorizzazione dell'importante patrimonio culturale e il recupero ambientale e paesaggistico. Supermilano ha gettato le basi per una nuova stagione di sviluppo in cui la collaborazione di tutti gli attori del territorio (istituzionali, IMG 3582 resizeeconomico-produttivi e della società civile, riunita in una rete di Associazioni attivissime negli ambiti culturale e sociale) e la cooperazione fra sinergie diverse, ne rappresentano il modello organizzativo. Due gli aspetti fondamentali: la governance dal basso e il coinvolgimento dei cittadini che ha condraddistinto le iniziative fin dalla nascita del consorzio Insieme Groane, poi il Festival di Villa Arconati ed infine "Due settimane a Supermilano". "Il territorio è ora pronto ad affrontare le prossime sfide - conclude Cattaneo - dalla costituzione della Città Metropolitana (della quale Supermilano, coi suoi 300.000 abitanti, ne rappresenterà il 10%), all'avvento di Expo Milano 2015, verso la definizione di un sempre più reale e concreto Distretto Culturale, motore di sviluppo.". Di Distretto culturale, criticità, opportunità ne ha parlato Davide Ponzini - Ricercatore Dip. di Architettura e Studi Urbani Politecnico di Milano e consulente della Fondazione Cariplo,( ha prodotto il quaderno n. 28). "Bisogna superare i concetti limitati di progettazione culturale singola, città per cittàIMG 3618 resize, per aver una vison globale che includa Milano, le periferie, le cittadine della cintura fino al legnanese - Terra estesa di Expo - , per modificare atteggiamenti. In particolare bisogna operare insieme, valorizzare esperienze positive e propositive, come il Museo della fotografia, l'esperienza di Insieme Groane, Distretto 33, Scenaperta Metropoli,  esempi positivi che possono creare, produrre il prodotto culturale da far fruire in primis ai cittadini, poi a visitatori e poi, ancora,  a visitatori di Expo. Sarebbe opportuno seguire delle best practices che coinvolgano cittadini, enti locali ed operatori".
Ninfa Cannada Bartoli – Regione Lombardie DG Culture, Identità e Autonomie ha prospettato spazi di sostegno nel piano quinquennale di Regione Lombardia 2015-2020, ed ha affermato: "Nel piano quinquennale i protagonisti devono esssere gli operatori che si devono associare perché ci sarà una ottimizzazione dei bandi: meno dispersivi, meno a pioggia e finalizzati alle reti, anche dopo Expo".
IMG 3647 resize Maria Grazia Mattei - Mattei Digital Communication / Meet The Media Guru  ha stigmatizzato "Il ruolo delle Ict per l'innovazione culturale che attraversa inesorabilmente i nuovi media: Google art, Tweetter, Instagram sono i nuovi mezzi che possono far trasmettere conoscenza e cultura".
Infine il grande atteso della prima parte della giornata Giacomo Biraghi, di Explora,  società della Camera di commercio che ha ri-presentato in chiave ironica e di effetto cos'è Expo ( o meglio cosa non è) e poi ha evidenziato le opportunità non solo culturali ma anche  finalizzate a cogliere le opportunità economiche di Expo "Bisogna andare a prendere spazi pressso i 402 stati membri di Bie, l'organismo che dà mandato, dopo selezione alle singole nazioni di organizzare Expo. Poi bisogna andare direttamente dai commerciali dei vari padiglioni e presentarsi. Terza azione possibile: farsi conoscere, fare pubblicità: qui Explora puo aiutare! ( qui è emerso la capacità commerciale di Biraghi che è venuto a "vendere" anche lui il suo prodotto ( apprezzato anche per questa onestà intellettuale!)).". I suggerimenti di Giacomo Biraghi, sono stati raccolto a volo dal Consorzio di imprese Distretto 33 operante nei 16 comuni del Rhodense e parte integrante di Terre di Expo, attraverso il presidente Dario Ferrari che ha annunciato "ExpoRho", un Fuori Expo  proprio nella location del Collegio dei Padri Oblati "A  100 giorni dalla manifestazione possiamo annunciare che Distretto 33 organizzerà proprio qui, ExpoRho, un fuori Expo che darà opportunità a tante imprese del consorzio e non, di presentarsi al territorio ma e soprattutto ai visitatori di Expo"

Break con visita guidata apprezzata del Santuario dei Padri Oblati e prosieguo dei lavori attraverso 5 tavole rotonde declinate con i seguenti argomenti (Articolo di approfondimento sui Workshop):
#1. Cultura e Territorio
I Distretti Culturali: nuove pratiche per fare cultura.
Giampiero Bocca, Responsabile progetto strategico Distretto Culturale di Monza e Brianza
#2. Volontariato, associazionismo, giovani
IMG 3690 resizeOpportunità e risorse per una crescita partecipata del territorio.
Ivan Nissoli, Presidente Ciessevi. Coordina: Daniela Olgiati, Informagiovani di Rho
#3. Cultura, Impresa e Turismo
L'identità della comunità come motore per il benessere e la prosperità del territorio.
Antonia Ventura, Fondazione Fiera
#4. Multiculturalità e nuovi pubblici
Valorizzare la partecipazione e lo scambio interculturale.
Lucia Catenacci e David Chinello, A.S.C. Comuni Insieme per lo Sviluppo Sociale
#5. Risorse per la cultura
L'esperienza della Fondazione Comunitaria Nord Milano.
Paola Pessina, Consigliere FCNM
Successivamente avvio verso la chiusura ddella interessante giornata con ore 16.00
MILANO, grande Milano: tratti distintivi e qualità
Carlo Sini, emerito docente di Filosofia Teoretica, Università Statale di Milano

Alle 16.30 molto interessante la TAVOLA ROTONDA: PROGRAMMARE IL FUTURO, che ha visto protagonisti:
Regione Lombardia - Giulio Gallera, Sottosegretario ai Rapporti con la Città Metropolitana
Città Metropolitana - Michela Palestra, Sindaco di Arese
Fondazione Cariplo - Mariella Enoc, Vicepresidente
Polo Culturale Insieme Groane - Ubaldo Bartolozzi, Assessore alla Cultura di Bollate
Comune di Milano - Patrizia Quartieri, Consigliere coordinata da Nerio Agostini, Presidente CSBNO
Ha chiuso l'interessante giornata Gianni Stefanini, Direttore CSBNO
Enzo Mari
Galleria fotografica a cura di Federico Mari

Video:
Intervista a Pietro Romano
Intervento di Pietro Romano
Intervento di Giancarlo Cattaneo 
Intervento di Davide Ponzini 
Intervento di Ninfa Cannada Bartoli 
Intervento di Maria Grazia Mattei       

Intervento di Carlo Borghetti
Intervento di Giacomo Biraghi, EXPO 2015  
Intervento di Giacomo Biraghi, dopo EXPO 2015

Altomilanese - Numerose sono le iniziative culturali in occasione della Giornata della Memoria per il 70° anniversario della liberazione di Auschwitz che si svolgeranno sul territorio. Questo giorno è stato istituito nel 2000 dal Parlamento Italiano come giornata in commemorazione delle vittime del nazismo e del fascismo, dell'Olocausto e in onore di coloro che hanno protetto i perseguitati a rischio della propria vita. La scelta della data ricorda il 27 gennaio 1945 quando le truppe sovietiche dell'Armata Rossa, nel corso dell'offensiva in direzione di Berlino durante la Seconda Guerra Mondiale, arrivarono presso la città polacca di Auschwitz, scoprendo il suo tristemente famoso campo di concentramento e liberandone i propri superstiti. La scoperta di Auschwitz e le testimonianze dei sopravvissuti rivelarono per la prima volta al mondo l'orrore del genocidio nazista. Il termine ebraico "Shoah" significa catastrofe, distruzione e il 27 gennaio viene celebrata la sua ricorrenza anche da molte nazioni tra cui Germania, Gran Bretagna così come dall' ONU in seguito alla risoluzione del 1°novembre 2005.

Un ampio calendario di appuntamenti per non dimenticare l'orrore perpetrato dai nazisti:

Venerdi 23 gennaio alle ore 20.45 sarà proiettato presso il Cinema Sala Ratti a Legnano un film di Claude Lanzmann dal titolo "Shoah", un racconto dei sopravvissuti, dei testimoni e dei carnefici delle stragi naziste attraverso i loro volti, le parole, la storia e sullo sfondo i luoghi dello sterminio come sono oggi. La visione è promossa dall'ANPI (Associazione Nazionale Partigiani D'Italia). Ingresso libero.

Venerdi 23 gennaio alle ore 21 si terrà presso il Cinema Teatro Agorà a Robecco sul Naviglio un film di Brian Percival intitolato "Storia di una ladra di libri" che racconta la vita della giovane Diesel Meminger costretta ad affrontare gli orrori della Seconda Guerra Mondiale in una famiglia di genitori adottivi che nascondono in casa un ebreo fuggitivo e che riesce a trovare conforto nei libri.

Sabato 24 gennaio alle ore 9.30 si terrà presso l'Auditorium Comunale a Cerro Maggiore un concerto recital a cura di Cantosociale "Triangolo blu, triangolo rosa, triangolo rosso...loro portavano il triangolo giallo". L'iniziativa è promossa dall'assessorato alla Cultura. Ingresso libero.

Da sabato 24 gennaio al 2 febbraio presso i sotterranei del Castello di Abbiategrasso sarà possibile visitare una mostra a cura di ANNFFAS e ANPI dal titolo "Le persone con disabilità ieri, oggi, domani". L'inaugurazione venerdi 23 gennaio alle ore 17.30. Ingresso libero.

Da sabato 24 gennaio al 31 gennaio presso la Sala Civica Angelo Lodi a Buscate si aprirà una mostra sulla Shoah "Siamo tutti uomini. I colori dell'olocausto". L'inaugurazione sabato 24 gennaio alle ore 10.30. Ingresso libero.

Domenica 25 gennaio alle ore 21 presso l'auditorium Padre Reina a Rho si terrà un concerto musicale a cura dell'Associazione Culturale Equivoci Musicali dal titolo "Compromessa dall'Amore. Edith Stein e la Shoah". Una rappresentazione della vita di Edith Stein che ha saputo rendere visibile e credibile l'amore fin nelle camere a gas di Auschwitz, con Edda Olivieri, attrice, Rachel O'Brein, mezzosoprano, Elisa Ristano, danza, Chiara Nicora, pianoforte.

Lunedì 26 gennaio alle ore 20.45 presso Palazzo Leone da Perego a Legnano si svolgerà una conferenza "Ebrei, zingari e disabili alle radici del razzismo nazista" a cura di Giancarlo Restelli e Renata Pasquetto. L'iniziativa è promossa da ANPI con la collaborazione delle associazioni di volontariato ANFFAS, AIAS, AFAMP UILDM. Ingresso libero.

Martedì 27 gennaio presso il Teatro Sociale a Busto Arsizio nell'ambito della stagione "Ba Teatro" si terrà uno spettacolo teatrale tratto dal romanzo "La notte", realizzato dall'associazione culturale Educarte sulla testimonianza tra le più lucide e drammaticamente sconvolgenti della Shoah scritta da Elie Wiesel, giornalista, novellista e premio Nobel per la Pace nel 1986. La regia è di Delia Cajelli che ripercorre alcuni dei temi più significativi del libro-diario dei campi di sterminio come la sofferenza, la crisi della fede, il male assoluto facendo riferimento agli eventi occorsi agli ebrei di Sighet in Transilvania dal 1941 al 1945. La Sezione ANPI di Canegrate con il patrocinio del Comune di Canegrate il Prof. Alfonso Rezzonico docente presso il Liceo Statale «Claudio Cavalleri» di Parabiago presenterà in occasione del Giorno della Memoria un racconto di Arpad Weisz, dalla gloria degli stadi alla tragedia della Shoah, "Con lui nel 1929-30 l'Inter vinse lo scudetto nel primo campionato a girone unico". L'incontro avverrà alle ore 20.45 presso Aula Consiliare di Via Manzoni 1 a Canegrate e vede la partecipazione straordinaria di Milly Moratti.

Martedì 27 gennaio l'appuntamento è anche per un concerto musicale organizzato dall'assessorato alla Cultura presso il Teatro del Popolo a Gallarate alle ore 21 con la compagnia Alha Trio con Francesco Pasqualotto, pianoforte, Federico Pivato, violino, Noémy Braun, violoncello e Nicola Zuccalà, clarinetto. Sarà eseguito il "Quator pour la fin du temps" di Olivier Messiaen che fu un internato nel campo di concentramento di Gorlitz che si esibì il 15 gennaio 1941 nel campo ghiacciato davanti a circa 5mila prigionieri. Ingresso libero.

Mercoledì 29 gennaio presso il Teatro Dante a Castellanza ci sarà lo spettacolo "I giusti tra le nazioni" con musica, immagini e animazione teatrale a cura dell'Istituto Enrico Fermi e San Giulio in collaborazione con l'Associazione I Drammanuti.

Infine venerdì 30 gennaio l'assessorato alla cultura del Comune di Canegrate e A.N.P.I. sezione di Canegrate organizzano una serata che comporterà l'incontro con l'Autore Maria Pia Trevisan che presenterà il suo libro "Le farfalle di Ebensee" presso il Polo Culturale "Catarabia" in Piazza dell'Unità 2 a Canegrate alle ore 21.00.

Il territorio è quindi molto sensibile a questa importante tematica di rievocazione storica. Un modo per celebrare la giornata del 27 gennaio come propria Giornata della Memoria per non dimenticare i 6 milioni di persone che hanno perso la vita inutilmente.

Maria Chiara Girola


RUBRICHE
Palio Di Leganano
 
Rubrica-TeatroSociale
 
Enogastronomia
 
Rubriche ruotepedali
 
Expo Milano 2015
 
Rubrica Arte
 
Rubrica Interviste

SEGUICI SU


RegioneLombardia Regione Piemonte

Logo provincia Milano

Provincia di Varese

tssss
Expo Logo-Fondazione-Orizzontale resize LionsClub2 logo Distretto dei Laghi logoDistretto33