Progetto Vincitore Expo 2015

PrimoPiano (356)

Nerviano - Soundtracks festival atto primo. Parte il 30 agosto 2013 a Nerviano in località Garbatola l'edizione 2013 della celebre rassegna sovracomunale di jazz e blues. Il primo show spetta
a alla cantante afroamericana Peaches Staten & Luca Giordano Band
Peaches Staten nasce a Doddsville nel delta del Mississippi, musicalmente cresce in quel di Chicago, dove ha condiviso la scena e registrato con i migliori bluesmen.
Ha una voce versatile che le garantisce ottime performances in tutto il panorama musicale a livello mondiale; suona egregiamente il Wash Board, dando un supporto ritmico incredibile alle sue esecuzioni e creando un impatto visivo che cattura il pubblico. Nel Maggio 2010 e' uscito il suo ultimo cd, live at Legends di Chicago (club di Buddy Guy).
Sul palco, Peaches offre uno show che spazia dal blues al soul/funk, supportata da una band di grande esperienza che valorizza la sua stupenda voce e personalissima presenza scenica.
Luca Giordano è uno dei più appassionati e competenti musicisti blues italiani della nuova generazione E' stato ospite al Chicago Blues Festival 2006 insieme alla leggendaria band di Muddy Waters e si è esibito nei più importanti circoli blues, in numerosi festival e in alcuni dei più famosi locali Blues della Windy City come il Buddy Guy's Legends.
Collabora con diversi artisti di fama internazionale. In Italia è stato in tour con Shirley King, figlia del Re del Blues BB King, con Mr. Chris Cain, icona per tutti i chitarristi Blues, e con il grande sassofonista Sax Gordon Beadle. Attualmente viaggia tra gli States e l'Italia collaborando con numerosi musicisti nostrani e d'oltreoceano: Big Jack Johnson, Billy Branch, Bob Stroger, Bonnie Lee, Carlos Johnson, Les Getrex, Linsey Alexander, Peaches Staten, Matthew Skoller, Junior Watson, Enrico Crivellaro ed altri.

musica è pace 1Legnano – Hanno risuonato sabato 22 novembre le note di “Musica è Pace”, la rassegna corale, giunta ormai alla 6° edizione, organizzata dal Coro Dalakopen e dalla Parrocchia San Paolo nella chiesa di San Giovanni Battista. Il tema dell’evento intitolato a Maria Rosa Cislaghi,fondatrice del coro, è stato per quest’anno “non di solo pane”, in concordanza con quanto scelto dalla Diocesi di Milano in vista di Expo 2015 (il cui tema sarà “Nutrire il pianeta: energie per la vita”). Il significato vuole essere profondo, non fermandosi solo al problema “produttivo” ma approfondendo riti, regole e culture della crescita e del nutrimento non solo fisico. La parrocchia e la chiesa sono interessate da questo aspetto anche per l’organizzazione di un itinerario delle chiese moderne e contemporanee della diocesi.

Ma veniamo alla musica: il cercare un filo conduttore non scontato ha fatto si che siano stati proposti brani molto poco conosciuti, come “Nuud Ole Jeesus Kiitetud”, una bellissima composizione moderna estone o "Ned I Vester", tradizionale norvegese, anche se ad aprire è stato “An Irish Blessing”, un saluto ed un omaggio a Maria Rosa che tanto la apprezzava.

L’ambientazione ha fatto si che il genere fosse improntato sulla sacralità, spaziando comunque su più generi, dal tradizionale allo spiritual.

Ospiti della serata sono stati il coro di voci femminili Sophia di musica è pace 2Cassano Magnago, diretto da Stefano Torresan e accompagnato dal pianoforte di Ilaria Tortorelli (*) ed il Coro Desdacia Tellini di Sondrio diretto da Diego Ceruti, mentre il Dalakopen è stato diretto da Matteo Magistrali. Nell’insieme tre proposte simili ma varie per caratteristiche e scelte tematiche, comunque tutte di alto livello come testimoniato dall’apprezzamento del pubblico.

L’idea di affiancare e valorizzare questi “percorsi sonori” nacque sei anni fa da un viaggio in Terra Santa, luogo di ricchezza spirituale e contrasti tangibili ma in cui la musica resta l’arte che unisce oltre le differenze: “la musica è pace: affratella e crea armonie, tocca le corde più profonde di ciascuno, risuona nell’anima, aiuta a sperare in persone e in un mondo migliori.”

L’iniziativa da supporto all’Istituto Magnificat che si prodiga per quelle regioni così bisognose.

 

Enrico Gussoni

Venezia - Grande soddisfazione per i Contratti di Fiume di Regione Lombardia: al Premio "IX Tavolo Nazionale di Venezia" dei Contratti di Fiume, nei giorni scorsi, sono stati premiati tutti i paper presentati dal gruppo di lavoro che fa capo alla Direzione Generale Ambiente, Energia e Sviluppo Sostenibile.

In particolare il premio è andato ad Alessandra Gelmini e Gioia Gibelli che hanno elaborato la Mappa dell'Acqua del Sottobacino del Lura, al paper sul percorso di accompagnamento alle Vasche di Laminazione di Lomazzo – Bregnano redatto da Eva Gabaglio, Claudio Calvaresi, Alessandro Alì e Lara Valtorta e infine è stato premiato il lavoro di Antonio Longo e Alessandro Giacomel in merito al progetto Rete Ecologica Lambro, finanziato da Fondazione Cariplo, di cui ERSAF è capofila. Per la sessione esperienze/governance premiato il "Patto per l'Olona" di Raul Dal Santo del Plis dei Mulini.

La Sessione di premiazione è stata aperta da una "Lectio Magistralis" sui Contratti di Fiume seguita dalla illustrazione dei contenuti da parte degli estensori, dei 12 papers (39 gli elaborati presentati nella sessione esperienze e 20 nella sessione ricerca ) che sono stati selezionati dalla Giuria del Premio e si è chiusa con una Tavola Rotonda aperta alla discussione dei partecipanti.

I 12 migliori paper sono stati premiati con le litografie dell'artista giapponese Tatsuo Uemon Ikeda che ha ideato e firmato 200 litografie per il IX° Tavolo Nazionale dei Contratti di Fiume.

tratto da www.contrattidifiume.it

col BarberShopCastellanza – Magistrale concerto di Franco Cerri venerdi 21 alla LIUC: un distillato sopraffino di jazz all'italiana
Franco Cerri è come il vino pregiato italiano: più invecchia e più aggiunge note di sapore e profumi inebrianti. Qui, naturalmente, le note sono quelle del pentagramma jazz di più elevata qualità e tradizione, ma il discorso sembra calzare a pennello per questo straordinario musicista che a 88 anni ha ancora una volta offerto una lezione di musica, simpatia e classe indimenticabile. Sparring partner in questo terzo appuntamento dell'Università Carlo Cattaneo di Castellanza è stato il trio composto da Dado Moroni al pianoforte, Riccardo Fioravanti al contrabbasso e Stefano Bagnoli alla batteria, vale a dire altre eccellenze della storia del jazz nostrano. E proprio di storia si è trattato, vista che con la "scusa" di presentare l'ultima incisione discografica "Barber Shop", il nostro più importante chitarrista jazz ha in realtà dispensato a piene mani un distillato di emozioni in musica frutto di un'esperienza e di un affinamento tecnico continui fin dagli anni '40 del secolo scorso. Nell'ora e mezza abbondante del concerto, è passato allora un retrogusto sopraffino del miglior jazz internazionale, con calde note maturate al fianco di stelle di prima grandezza come Django Reinhardt, Chet Baker, Gerry Mulligan, Billie Holiday, Dizzy Gillespiedi, giusto per citarne alcuni, e nelle quali Cerri ha saputo infondere il proprio tocco esclusivo, facendone uno dei tre chitarristi jazz italiani presenti nell'Enciclopedia Treccani.
Che si trattasse di un appuntamento ai più alti livelli lo è si capito sin dall'iniziale solo al piano di Dado Moroni, una delicatissima "A child is born" dedicata al figlio appena nato, cui segue un pezzo con Fioravanti e Bagnoli, vale a dire già grande musica, già un sunto di decenni di storia e sapienza del jazz.
Si unisce quindi il grande chitarrista per una cover di "But not for me" di Gershwin e subito si assapora il blend inconfondibile di Cerri, lui che, come dice il pianista "non suona la chitarra, ma "è" la chitarra" e dunque dispensa note calde e vellutate, accordi morbidi ma potentemente incisivi, sostenuto da una sezione ritmica tra le migliori a livello internazionale, mentre il piano aggiunge lirismo a pieno mani.
Questo sarà il tratto costante per tutta la serata, con i pezzi che si sgranano con una classe di arrangiamenti, una naturalezza di esecuzione ed improvvisazione ed una facilità di ascolto che solo ai grandi è concessa.
Cambia il ritmo, lo swing, la dose di ciascuno strumento nei singoli brani, ma il sapore è sempre quello di una combinazione perfetta, che appaga i palati più esigenti e sa avvicinare anche chi ha sempre ritenuto il jazz una musica difficile ed ostica, perché qui, stasera, tutto suona meravigliosamente piacevole ed immediato, a qualunque orecchio.
E' il risultato di quando nella dita si ha il sapere ed il sapore di migliaia e migliaia di ore sullo strumento ed altrettante di incontro sui palcoscenici di tutto il mondo. E allora via, nella trappola di "Barber shop", esecuzione dopo esecuzione, in continui assaggi di un'esperienza musicale nella quale il tempo ha stratificato sensazioni e passioni a profusione, che ci ritornano in sala in tutta la loro intensità, col carico di gusto fornito da quella barrique che è la vita dell'uomo e del musicista.
Anche Cerri si lascia trasportare da questi effluvi, lasciando per lo più spazio alla voce dello strumento piuttosto che alla propria, tralasciando troppi discorsi o commenti: anche lui è in the mood e a parlare, oltre alla musica alta e sovrana, sono i sorrisi che rivolge ai suoi compagni di palco, che parimenti improvvisano, accompagnano ed integrano con la più grande scioltezza e lo stesso piacere del bandleader.
Alla fine, allora, inevitabilmente, meritatissimi applausi da parte del pubblico – il tantissimo pubblico che ha ben presto riempito l'aula del concerto e quella "di riserva" con il solo schermo video, tanto che molti hanno dovuto rinunciare ed andarsene – e che è rimasto inebriato da tanto, tanto gusto sonoro.
Lunga, lunghissima vita a Franco Cerri, ancora e sempre grandissimo sommelier di jazz!
Giorgio Fedeli

Legnano - Presentata in Biblioteca la Stagione Concertistica 2014/2015 dell'Orchestra da Camera Città di Legnano- F.J.Haydn alla presenza dell'Assessore alla cultura e pari opportunità Francesca Rimondi, del direttore Maestro Daniele Balleello e di Giovanna Colombo dell'Associazione. "L' Orchestra da camera della Città di Legnano Franz Joseph Haydn realizza la nuova stagione concertistica grazie anche al contributo del Comune di Legnano, ed in momenti come questi l'amministrazione non ha voluta far mancare il supporto a questa iniziative che rappresenta uno degli eventi importante per la crescita culturale della città". Con queste parole l'assessore ha aperto la conferenza stampa di presentazione della iniziativa.

"Com'è noto, i concerti che fanno parte della Stagione Concertistica dell'orchestra rappresentano i momenti conclusivi dei tre periodi di studio che compongono il Corso di formazione orchestrale, e che quest'anno verranno realizzati nei mesi di novembre, febbraio e maggio. L'attività dell'orchestra è infatti indirizzata a consentire ai giovani strumentisti di svolgere attività orchestrale sotto la guida di professionisti di comprovata esperienza. Tra i molti giovani che nel corso degli anni ne hanno frequentato i corsi di formazione ve ne sono alcuni che ancora oggi collaborano con l'orchestra e che, a loro volta, hanno compiuto un proprio percorso di maturazione artistica. Accanto ad essi si assiste ogni anno all'ingresso di nuovi corsisti, che provengono da diversi Istituti Musicali" hanno dichiarato il direttore Balleello e Giovanna Colombo a conferma dell'alto livello raggiunto dalla manifestazione e dai corsisti. .

Quest'anno il Corso di formazione orchestrale ospiterà corsisti provenienti dal Conservatorio di Musica "Giuseppe Verdi" di Como, dall'Istituto Superiore di Studi Musicali "Franco Vittadini" di Pavia e dal Civico Liceo Musicale di Varese

Ogni corso è strutturato in una serie di prove realizzate nel mese di ogni concerto, in numero variabile (da 3 a 4) a seconda della tipologia e della complessità musicale del concerto. Va precisato che il corso non è destinato a studenti ai primi anni di studio ma a giovani strumentisti neodiplomati o che frequentano gli ultimi anni di corso di strumento presso Conservatori o Istituti musicali riconosciuti. Ciò perché i programmi dei concerti di fine corso e che costituiscono la Stagione Sinfonica dell'orchestra contengono brani di notevole impegno tecnico-musicale, per mantenere il livello artistico della stagione adeguato alle aspettative di un pubblico affezionato ma anche esigente, com'è quello che ci ha supportato in questi dodici anni di attività dell'orchestra.

I tre appuntamenti della Stagione 2014/15 verranno, come di consueto, preceduti da 3 incontri di presentazione, offerti ai Soci dell'orchestra e aperti a tutti gli interessati, presso il Museo Sutermeister e la Biblioteca Marinoni.

Il programma della stagione concertistica

Il primo concerto (sabato 29 novembre 2014) è fortemente caratterizzato dalla destinazione solistica dei brani proposti e dedicato ad un protagonista assoluto del tardo barocco: Antonio Vivaldi.

Il programma prevede l'esecuzione di concerti non frequentemente eseguiti e con organico solistico di particolare e sicuro interesse.

SABATO 29 NOVEMBRE 2014

Antonio Vivaldi:

Concerto in sol min RV 103 per flauto, oboe, fagotto e basso continuo

Concerto in sol min RV 107 per flauto, oboe, fagotto, violino e basso continuo

Concerto in Sol magg RV 532 per due mandolini, archi e basso continuo

Concerto in Do magg RV 444 per flauto dolce, archi e basso continuo

Concerto in Do magg RV 537 per due trombe, archi e basso continuo

Il secondo concerto, in programma sabato 21 febbraio 2015, è dedicato alla musica del novecento.

Dopo i concerti monografici dedicati, nelle passate stagioni, a musicisti inglesi ed americani, è la volta dei compositori italiani. Accanto ad autori celebrati, quali Giacomo Puccini e Ottorino Respighi, trovano posto autori non frequentemente eseguiti e che contribuiscono ad estendere lo sguardo sul florido e variegato patrimonio musicale italiano. Tra questi Paolo Francesco Neglia, che visse a Legnano nei primi decenni del secolo scorso e che rappresentò un punto di riferimento per la vita musicale e culturale cittadina del tempo.

SABATO 21 FEBBRAIO 2015

Alfredo Catalani

Preludio "A sera"

Francesco Paolo Neglia

Antiche danze ed arie per liuto (Suite III)

Due gavotte

Giacomo Puccini

Crisantemi

Tre minuetti

Ottorino Respighi

Bruno Bettinelli

Invenzione n. 2

Il concerto finale della stagione è di consuetudine dedicato a pagine orchestrali che prevedono un organico orchestrale completo e di notevole impegno esecutivo. Il programma di sabato 25 aprile 2015 contempla due gioielli del repertorio settecentesco, composti a pochi anni di distanza da due geni indiscussi del sinfonismo classico: Franz Joseph Haydn e Wolfgang Amadeus Mozart

SABATO 25 APRILE 2015

Franz Joseph Haydn

Sinfonia n. 101 in Re maggiore "The Clock"

Wolfgang Amadeus Mozart

Sinfonia n. 35 in Re maggiore K 585 "Haffner"

Tutti concerti si terranno nella stupenda Basilica di San Magno. Ingresso libero

Negli anni scorsi l'Orchestra ha avviato una sottoscrizione a sostegno delle proprie attività che ha riscosso un buon consenso. Verrà riproposta anche quest'anno, con la speranza di raccogliere un numero sempre più consistente di Soci sostenitori. Tutti coloro che desiderano associarsi e sostenere le attività dell'Orchestra possono contattare i n. 0331543549 0331434386 oppure scrivere all'indirizzo mail

o consultare il blog orchestralegnano.org


Enzo Mari

Nell'ambito dell'iniziativa regionale "Progettare la Parità in Lombardia - 2014" l'Assessorato Politiche di Genere del Comune di Cerro Maggiore, capofila della rete Ticino-Olona contro la violenza, in occasione della ricorrenza della "Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne 2014", ha realizzato i seguenti eventi:

venerdì 21 novembre 2014 - ore 21.00 - presso l'Auditorium Comunale di via Boccaccio, 2 - Cerro Maggiore

Spettacolo di Danza "VIOLA e ENZA. Storie di donne" - realizzato in collaborazione con il Centro Danza La Fenice

Introduce: l'Assessore alle Politiche di Genere Piera Mercedes Landoni

ingresso libero

martedì 25 novembre 2014 - ore 14.00 - presso l'Auditorium Comunale di via Boccaccio, 2 - Cerro Maggiore

convegno organizzato da ASL Milano 1 (con il Patrocinio del Comune di Cerro Maggiore)

"Le donne non si toccano neanche con un fiore. Percorsi integrati per l'uscita dalla violenza"

con i seguenti interventi:

ore 14.00 - 14.30 Saluti dell'Assessore Servizi alla Persona, Politiche di Genere, Istruzione e Progetti del Comune di Cerro Maggiore Piera Mercedes Landoni , del Direttore

Generale ASL Milano 1 Giorgio Scivoletto e del Direttore Sociale ASL Milano 1 Giuseppe Calicchio.

ore 14.30 - 15.00 Pietro Forno - Magistrato Procura della Repubblica Tribunale di Milano - "Il quadro legislativo e le possibilità d'intervento degli operatori".

ore 15.00 - 15.15 Mirco Fagioli - Direttore UOC Sistemi di Welfare per la Famiglia - "Progettazione territoriale delle reti antiviolenza".

ore 15.15 - 15.45 Susanna Cozzi - Psicologa consultorio familiare di Legnano - "Presentazione del Vademecum per operatori a tutela delle donne vittime di violenza".

ore 15.45 - 16.15 Claudia Pecorella - Università degli Studi di Milano Bicocca - "Modello Elimination of Domestic Violence".

ore 16.15 - 16.45 Patrizia Peroni - Vice questore Aggiunto capo sez. - "Violenze sessuali e Reati sui minori della Squadra Mobile di Milano".

ore 16.45 - 17.15 Monica Porta - Comandante Polizia Locale Comune di Magenta - "Ruolo della Polizia Locale".

ore 17.15 - 17.45 Letture : "Da vittime a protagoniste"

La giornata è rivolta al personale ASL, AA.OO., Forze dell'Ordine, Polizie Locali, Ambiti Territoriali, Comuni e Terzo Settore

Dichiarazioni dell'Assessore alle Politiche di Genere del Comune di Cerro Maggiore: Piera Mercedes Landoni:

"un intera settimana che i 51 comuni della "Rete antiviolenza Ticino Olona" dedicano ad una riflessione attenta e responsabile sul tema del contrasto alla violenza sulle donne. Riflessioni, ma anche azioni concrete volte a costruire una rete di interventi per non lasciare le donne sole ad affrontare il dramma della violenza. Grazie ad un finanziamento regionale e all'impegno di tutti gli attori coinvolti (amministrazioni, associazioni, ASL, Azienda Ospedaliera, Forze dell'Ordine, Professionisti e operatori) finalmente il nostro territorio avrà due centri antiviolenza attivi 24 ore su 24, alloggi per l'accoglienza e operatori formati per affrontare un problema tanto delicato e che può mettere a rischio la vita di tante donne." Sottolinea Piera Landoni, assessore alle Politiche di Genere del comune capofila "Quanto allo spettacolo "VIOLA e ENZA" ne raccomando la visione per l'intensità e la profondità delle emozioni che suscita. La danza sarà il filo conduttore attraverso il quale le danzatrici giovani e giovanissime del Centro Danza La Fenice ci accompagneranno attraverso le canzoni di Celentano, le parole di Franca Rame, e il ritmo sfrenato dell'Hip Hop, un messaggio forte che arriva a tutti noi dai più giovani"

col BarberShopCastellanza - Stasera alla Liuc per "Grande Jazz All'Università" arriva un mostro sacro del Jazz nostrano Franco Cerri con "Barber shop" accompagnato da Dado Moroni, Stefano Bagnoli e Riccardo Fioravanti..
Presso l'Aula Bussolati della LIUC – Università Carlo Cattaneo terzo appuntamento con la 19esima rassegna musicale "Grande Jazz ... all'Università" nata dalla collaborazione tra l'Assessorato alla Cultura della Città di Castellanza e la LIUC - Università Cattaneo, con il supporto della Fondazione Cariplo e della Fondazione Comunitaria del Varesotto onlus.

Ad esibirsi sul palcoscenico alle ore 21.00 castellanzese sarà Franco Cerri, il mito che incarna la storia del jazz italiano. Ad accompagnare il simpatico chitarrista altri personaggi di spicco del panorama jazzistico italiano ed internazionale: Dado Moroni al pianoforte, Riccardo Fioravanti al contrabbasso e Stefano Bagnoli alla batteria.

Franco Cerri presenta il suo ultimo e recente progetto, il disco "Barber Shop", un disco in cui ogni nota sembra davvero speciale e rappresenta una vita dedicata alla musica.

"Barber Shop" è il frutto della collaborazione a dir poco magistrale con un trio (Moroni, Fioravanti e Bagnoli) di artisti che attraverso la musica hanno saputo esprimere carisma e unicità di linguaggio, storie personali fatte di incontri, collaborazioni ed esperienze sempre ad alto livello, a fianco di musicisti che hanno fatto la storia del jazz. Questo background si esprime in ogni singolo fraseggio, composto da note apparentemente flebili che descrivono uno swing unico.

Franco Cerri non è unicamente un musicista jazz, ma è impossibile non ricordare il suo ruolo di divulgatore, fondamentale per l'arte e la musica in Italia, quando negli anni '70 conduceva storiche trasmissioni televisive che facevano entrare nelle case degli Italiani artisti come Gorni Kramer, Basso, Valdambrini, Barnie Kessel, Chet Baker, Gerry Mulligan, Billie Holiday, Stéphane Grappelli, Lee Konitz, Dizzy Gillespy... Cerri, con Dado Moroni, tra i pianisti italiani più conosciuti al mondo, con la strepitosa e ricercatissima sezione ritmica di Riccardo Fioravanti e Stefano Bagnoli, ha saputo ha costituito il suo personale "Barber Shop" e ha dato vita ancora una volta ad un progetto artistico di qualità e di successo. Ingresso libero.
La Redazione

Ornavasso - Dal 22 Novembre 2014 al 6 Gennaio 2015 ad Ornavasso vi aspetta Babbo Natale...nella sua "Vera Grotta", per un evento che richiama ormai ogni anno decine di migliaia di bambini, e non solo,  da tutta Europa!
La Vera Grotta di Babbo Natale di Ornavasso è un luogo davvero unico al mondo: è infatti una vera cava di marmo rosa - sotterranea - con una galleria di accesso in pietra lunga 200 metri e un grande salone con il pavimento e le pareti in marmo rosa. E' un luogo davvero prezioso: proprio da qui - circa 700 anni fa - hanno iniziato ad estrarre il marmo per il Duomo di Milano.
La Grotta di Ornavasso all'esterno ha due grandi aperture che ricordano molto la mia casa di Korvatunturi, nell'estremo Nord della Lapponia, detta per questo "La montagna dell'Orecchio". Sono decine di migliaia i bambini che ogni anno da tutta Europa vengono a trovare Babbo Natale nella Grotta di Ornavasso: nella galleria, tra luci e musiche natalizie, si troveranno anche i twergi, gli gnomi dispettosi ma simpatici della tradizione walser, intenti a lavorare, scolpire, cucinare... Accanto al trono, nella Grotta, c'è anche una grande cassetta postale dove si potranno imbucare le letterine...

NOTE PRATICHE PER VISITARE LA GROTTA
Per visitare la Grotta di Babbo Natale è vivamente consigliata la prenotazione on line, scegliendo la data e l'orario di ingresso.
- Ticket adulti e bambini (dai 3 anni): euro 12,00
- Il biglietto grotta nelle giornate di venerdì e nelle date del 3-4-5-6 gennaio 2015 è prenotabile al costo di euro 10,00 (anche nella giornata di venerdì saranno aperte tutte le aree, mercatini e ristorazione compresa - a gennaio non sarà visitabile unicamente il Recinto delle Renne).
Bambini fino a 3 anni non compiuti gratis.

Nelle giornate di apertura non è possibile raggiungere in auto la Grotta: dal centro di Ornavasso partono 6 trenini Renna Express di collegamento che avvicinano i visitatori al Parco dei Twergi di Babbo Natale, una vasta area che circonda la Grotta e dove inizia il magico viaggio nel Natale, con molte altre attrazioni per tutta la famiglia (le vere renne di Babbo Natale, i mercatini negli chalet di legno con i migliori prodotti locali, animazioni nel cunicolo sotterraneo, le aree ristoro etc..etc..).
E' possibile raggiungere la Grotta di Babbo Natale anche a piedi, in circa 30 minuti di cammino, sia con tratti di strada asfaltata che - in alternativa - di sentiero. Dal Parco dei Twergi alla Grotta si sale comunque a piedi, anche chi ha scelto il trenino, per cui è consigliato un abbigliamento adeguato all'inverno e ai sentieri (è comunque sempre disponibile anche un percorso asfaltato alternativo che però non consente di vedere tutte le aree del parco). Per i genitori con i bimbi più piccoli è consigliato il marsupio o lo zainetto.
Si ricorda che le casse, sia per i visitatori prenotati sia per i non prenotati (la disponibilità di biglietti senza prenotazione è molto limitata e non assicurata - in caso di esaurimento biglietti senza prenotazione si potranno comunque visitare tutte le altre aree, i presepi, i mercatini, le renne...) NON si trovano all'ingresso della Grotta ma nel Parco dei Twergi, nell'area dei mercatini natalizi. Anche i visitatori con prenotazione devono quindi passare PRIMA presso le casse prenotati per ritirare il biglietto di ingresso. Ad ogni famiglia o gruppo Babbo Natale quest'anno regalerà una fotografia con Babbo Natale da ritirare direttamente all'uscita dalla grotta (1 foto ogni prenotazione - per i gruppi 1 foto ogni 8 persone, eventuali foto aggiuntive o duplicati possono essere richiesti sul posto).
Se non siete in possesso del biglietto, o i biglietti per la Grotta sono già esauriti, non disperate: potrete comunque utilizzare il trenino Renna Express e visitare le aree riservate del parco (Cunicolo segreto dei Twergi - Diploma di Bravo Bambino - Recinto delle Renne) acquistando alle biglietterie un apposito biglietto dal costo di euro 3,00 (che comprende la visita al Recinto delle Renne, Cunicolo segreto dei Twergi - Diploma di Bravo Bambino).

Le aree mercatini, ristorazione, alberi parlanti e Sentiero delle pietre preziose sono invece a libero accesso.
I mercatini di Natale sono un' emozione...da gustare. I mercatini sono a libero accesso e aperti in tutte le date della manifestazione
Caratteristiche casette di legno, sapori unici dei prodotti tipici ed eccellenti idee regalo made in VCO, in un clima di festa ispirato alle sagre paesane di un tempo.
L'atmosfera fiabesca, la calda luce degli chalet, gli artigiani all'opera, gli addobbi in vetro, rame, stoffa e ceramica dell'ingegno creativo, i presepi, i manufatti in legno delle eccellenze artigiane, le preziose creazioni degli orafi, o le specialità gastronomiche come il vin brulè, le castagne, i prodotti da forno, il miele, i formaggi d' alpe, i salumi e i vini ossolani, il profumo di spezie e di erbe officinali, di dolci fatti in casa,i menù tipici di questo territorio, risvegliano i ricordi legati all' infanzia creando emozioni e momenti magici per un' attesa gioiosa.
Un vero percorso dove nessun senso è escluso: si guarda, si passeggia, si respira, si annusa, si tocca con mano, si degusta, si ascolta, si percepisce, ci si arricchisce. Si condivide la passione per la magia del Natale tra produttori, artigiani, eccellenze, associazioni, geni creativi.
Tra gli espositori molti vantano il riconoscimento " Piemonte Eccellenza Artigiana".

Il Villaggio di Natale 2014-15 è animato da diverse attività, tra cui: Degustazioni Laboratori didattici e dimostrativi, Animazione per bambini, Folclore, Antichi mestieri Un'atmosfera gioiosa e tradizionale che avvolge, illumina e riscalda l'anima.

PARCO DI BABBO NATALE

Le vere renne
Come sapete Babbo Natale si muove solo in compagnia delle fidate renne: sono in compagnia dei twergi, gli gnomi di queste montagne e miei aiutanti.
Potranno essere ammirate nel Parco dei Twergi di Babbo Natale, fino al 24 dicembre, nei giorni di apertura della Grotta di Babbo Natale. NOTE PRATICHE Alle renne di Babbo Natale è dedicata un'area del Parco dei Twergi di Babbo Natale, nell'area mercatini. La visita delle Renne è gratuita per i possessori del biglietto di ingresso alla Vera Grotta di Babbo Natale. Se non siete in possesso del biglietto, o i biglietti per la Grotta sono già esauriti, non disperate: potrete comunque utilizzare i trenini Renna Express e vedere le renne di Babbo Natale e visitare le altre aree riservate del parco (Cunicolo segreto dei Twergi - Diploma di Bravo Bambino) acquistando alle biglietterie un apposito biglietto dal costo di euro 3,00 (che comprende la visita al Recinto delle Renne, Cunicolo segreto dei Twergi - Diploma di Bravo Bambino). Per la salute degli animali si invitano i visitatori a non dare da mangiare agli animali del Parco. Le aree mercatini, ristorazione, alberi parlanti e Sentiero delle pietre preziose sono invece a libero accesso.

Trenini Renna Express
Sei trenini turistici "Renna express" a circolazione continua collegano l'area posteggi e il centro cittadino al Parco dei Twergi di Babbo Natale. Sono previsti due circuiti di trenino turistico: un circuito nell'area cittadina, di collegamento con le aree posteggio auto e il circuito di collegamento tra P.zza XXIV Maggio (arrivo e partenza Bus Turistici) e l'area Valle dei Twergi e Mercatini. Il tratto Valle dei Twergi – Grotta di Babbo Natale sarà come lo scorso anno percorribile unicamente a piedi (per famiglie con bimbi piccoli consigliato lo zainetto o marsupio – è comunque disponibile anche un percorso alternativo su strada asfaltata ma che esclude il passaggio nella Valle dei Twergi, area che ospiterà gli eventi e le lavorazioni). Ai soggetti diversamente abili è consentito l'accesso in auto – con apposito contrassegno - fino all'ingresso della Grotta di Babbo Natale.
Ticket giornaliero per circolazione illimitata trenini:
euro 5,00 (adulti) – euro 3 (fino a 10 anni) - con questo ticket giornaliero è possibile effettuare un numero illimitato di corse.
Biglietto a corsa unica (solo andata – solo ritorno) euro 2,00 (adulti) – euro 1,00 (fino a 10 anni)
Il tratto dal centro cittadino all'area Parco dei Twergi di Babbo Natale può essere effettuato anche a piedi, in circa 30 minuti di salita, su strada asfaltata o attraverso un tratto di sentiero.

I twergi
Lasciati i suoi elfi in Lapponia, Babbo Natale ad Ornavasso ha incontrato i Twergi, gnomi dispettosi ma simpatici della tradizione walser di queste montagne. Si incontrano ovunque nel Parco, alcuni in carne ed ossa, riconoscibili per l'inconfondibile cappello (cucito a mano dalla sarta dei Twergi che puoi incontrare nel Parco) intenti a lavorare il marmo, il legno o a preparare il formaggio con un vero pentolone che cuoce a fuoco lento a due passi dal bosco.
Altri sono invece dei simpatici personaggi che raccontano storie, interpretano antichi mestieri...li puoi incontrare nella Grotta di Babbo Natale, nel Cunicolo segreto (con il libro magico e l'albero dei twergi), e tra gli alberi parlanti, lungo il percorso che porta ai mercatini.

Il Twergi saggio è intento invece a consegnare - a chi lo merita - il Diploma di bravo bambino: cosa aspetti ad incontrarlo?

NOTE PRATICHE
Il Cunicolo segreto e il Diploma di bravo bambino (con la consegna di un diploma nominativo ad ogni bambino) sono aree riservate a libero accesso per i visitatori con il biglietto Grotta di Babbo Natale. Se non siete in possesso del biglietto, o i biglietti per la Grotta sono già esauriti, non disperate: potrete comunque visitare le aree riservate del parco (Cunicolo segreto dei Twergi - Diploma di Bravo Bambino - Recinto delle Renne) acquistando alle biglietterie un apposito biglietto dal costo di euro 3,00 (che comprende la visita al Recinto delle Renne, Cunicolo segreto dei Twergi - Diploma di Bravo Bambino).
Le aree mercatini, ristorazione, alberi parlanti e Sentiero delle pietre preziose sono invece a libero accesso.
La Redazione

Magenta - Con "Welcome back to Cotton Club" della Maxentia Jazz Band di Fiorenzo Gualandris entra nel vivo sabato 22 , il XVII Magenta Jazz festival. Dopo il successo dell'anteprima di venerdi 14, dove Michele Ferrara  ha incantato, la sala consiliare, con la sua "A-Material Band" che ha spaziato nel jazz contemporaneo (Link Articolo Michele Ferrara), sabato Fiorenzo Gualandris, apre ufficialmente la XVII edizione del Festival Magentino.
SABATO 22 Tocca alla "Maxentia Big Band", diretta da Fiorenzo Gualandris, in "Welcome back to Cotton Club",aprire con uno spettacolo che farà rivivere le emozioni e le atmosfere di quei travolgenti anni del jazz al "Cotton Club" con una selezione di brani di Duke Ellington e le interpretazioni di Sara Cicenia. Cotton Club , attivo a New York tra il 1920 e il 1936, fu il locale che diede fama a molti musicisti jazz divenuti famosi al grande pubblico proprio grazie alle trasmissi oni radio in diretta dal Club. Duke Ellington vi produsse molti lavori e registrò oltre cento brani tra il 1927 e il 1931. Con questo progetto, grazie alle interpretazioni di Sara Cicenia, la "Maxentia Big Band" ripropone una selezione di brani di Ellington in uno spettacolo che fa rivivere le emozioni e le atmosfere di quei travolgenti anni del jazz al "Cotton Club" , rese note dal celebre film di Francis Ford Coppola del 1984.
Formazione:

Direzione: Fiorenzo Gualandris
Ance: Maurizio Biasibetti (Sax Alto, C
larinetto), Fausto Oldani (Sax Alto, Clarinetto)
Stefano Barbaglia (Sax
Tenore, Clarinetto), Massimo Losa (Sax Tenore)
Stefan Mandolfo (Sax
Baritono, Clarinetto)
Trombe: Pietro Sala, Gianca
rlo Mariani, Marco Duré, Adriano
Baraté , Andrea Carrettoni
Tromboni: Daniele Zanenga, Mauro Sanna
, Silvio Saracchi, Paolo Mella
Ritmica: Eugenia Canale (Pianoforte), Gianni
Papa (Hammond), Marco Mainini (Chitarra
elettrica), Flavio Magistrelli (Basso elettric
o), Andrea Garanzini (Batteria), Angelo
Lovati (Percussioni)
Recitazione: Sara Cicenia
Proiezioni:
Sergio D'Antoni
Riprese live: Filippo Ranzani
Regia: Riccardo Colombini

Il festival continua domenica 23 novembre dove alle 16  ci sarà la Street Parade in stile Dixieland-New Orleans con la "Chicago Dixieland Jazz Band", formazione attiva dal 1985 e composta da noti e affermati professionisti del jazz italiano.
Nel secondo concerto al Teatro Lirico di domenica 23 novembre alle ore 21, la formazione "Jambalaya Six", attiva dal 1984 e composta da affermati musicisti, presenterà "Unforgettable Louis Armstrong", un programma dedicato al grande Satchmo.
Grande serata per il terzo concerto di sabato 29 novembre al Teatro Lirico alle ore 21 con "Franco Cerri Trio". Questo concerto segna il gradito ritorno al Magenta Jazz Festival di Franco Cerri, tra gli artisti più rappresentativi del panorama jazzistico nazionale e il più autorevole chitarrista jazz italiano, che suonerà con il pianista Carlo Uboldi e il contrabbassista Roberto Piccolo.
La chiusura dell'edizione 2014 del Magenta Jazz Festival sarà con la Street Parade in stile Dixieland-New Orleans della "Maxentia Brass Band" dalle ore 16 di domenica 30 novembre.
17° Magenta Jazz Festival - 14-30 novembre 2014
Programma
Sabato 22 novembre - Teatro Lirico, ore 21
Primo concerto: "Welcome back to Cotton Club"
Maxentia Big Band
Domenica 23 novembre - Piazza Liberazione e vie del centro, ore 16
Prima Street Parade: Chicago Dixieland Jazz Band
Domenica 23 novembre – Teatro Lirico, ore 21
Secondo concerto: "Unforgettable Louis Armstrong" Jambalaya Six
Sabato 29 novembre - Piazza Liberazione, ore 16 Terzo evento pre-festival: Jam Session "More Jazz in Town"
Maxentia Combo Jam
Sabato 29 novembre – Teatro Lirico, ore 21 Terzo concerto: "Franco Cerri Trio" Franco Cerri (chitarra) con Carlo Uboldi (piano) e Roberto Piccolo (contrabbasso)
Domenica 30 novembre - Piazza Liberazione e vie del centro, ore 16 Seconda Street Parade: Maxentia Brass Band
WELCOME BACK TO COTTON CLUB.pdf MJF-2014 Pieghevole.pdf dimensione : 366,7978515625 KByte  MJF-2014 Pieghevole.pdf

La Redazione

Manifesto-Artisticamente--DEFParabiago - Parabiago è conosciuta nel mondo per la "Città della Calzatura" per le sue eccellenze nel settore, ma sta diventando, altresi nota, per le sue mostre sul Natale, grazie a delle location di indubbio valore, come Villa Corvini, oppure Villa Ida Lampugnani. Segnaliamo dunque in questo weekend, l'apertura della mostra-mercato "ARTISTICAMENTE" . la prossima settimana tocca a "Natale in Villa" in villa Ida Lampugnani e Villa Corvini.
La splendida cornice di Villa Corvini, storico palazzo settecentesco di Parabiago, ospita la nona edizione di Artisticamente, Mostra Nazionale di Artigianato Artistico Moderno e di Qualità, una vetrina dove artigiani e artisti professionisti provenienti sia dal territorio, che da altre zone della Lombardia e Regioni d'Italia presenteranno le proprie produzioni.

L'evento, promosso da Associazione culturale e artistica Iperbole con il supporto organizzativo di Eventi doc di Myriam Vallegra, la collaborazione del Centro Servizi Villa Corvini e del Comune di Parabiago, è Patrocinato da Regione Lombardia, Provincia di Milano e Comune di Parabiago.

Artisticamente è un'iniziativa fortemente apprezzata e che assume un ruolo sempre più importante per il sostegno di talenti artigiani ed artistici, la valorizzazione del Made in Italy e del "fatto a mano", per lo sviluppo dell'economia e del territorio, ma anche un'occasione di svago e di acquisto prima di Natale per migliaia di visitatori.

Ad Artisticamente 2014 si danno appuntamento numerosi artigiani artisti che già frequentano l'evento da anni e tanti nuovi che presenteranno le loro opere ed attività.

Troviamo interessanti produzioni lombarde, come gli utili ed originali oggetti in vetro per la casa e i regali, come i bicchieri, le brocche, i vassoi e le scintillanti palle di Natale tutti dipinti a mano da Anna Ghilardi di Bergamo, le scatole realizzate ed intarsiate con pregiate essenze lignee dei Fratelli Vanosi della Brianza, l'artigianato tradizionale ed al contempo innovativo di Polignum di Milano, che realizza restauro di mobili ed oggetti con tecniche che vanno da quella più classica a mano a quella più moderna come il trattamento antitarlo a microonde, passando per la decorazione di interni in base ai gusti ed esigenze dei clienti, ed i quadri di Fosca Valeria di Varese, pieni di colore, caratterizzati dall'uso di tecniche miste e polimaterici.

Ad Artisticamente si approfondiscono antiche e particolari tecniche di lavorazione artigianale, come la produzione della cartapesta, l'intarsio, la lavorazione della ceramica, la tornitura, il macramè, le tecniche orafe al banchetto, l'incisione, la lavorazione a bulino ...

Troviamo, inoltre, tante idee moda realizzate da sartorie e maglierie del Piemonte, le creative e simpatiche borse prodotte con diverse tecniche manuali, cucite a mano con parti in tricot (ai ferri o all'uncinetto), pelliccia e passamanerie d'epoca di Maria Clara Giurgola, stilista ed artigiana di Modena. E poi i gioielli in ebano e zanne di mammut, i bijoux in rame smaltato, le opere in ceramica.

Il Centro Italia "artigiano" è rappresentato dalla meravigliosa frutta in marmo di Carrara del laboratorio Berti di Massa Carrara e da tante altre creazioni uniche, esclusive e particolari.

Anche il Sud Italia "artigiano" sarà presente ad Artisticamente, con il gruppo delle botteghe artigiane salentine "La Putea": dalle opere della celebre azienda dei F.lli Colì, leader nella produzione di ceramica tipica ed artistica alle lampade "Gemini", "Globo" e "Tacita" realizzate in creta bianca invetriata del ceramista Massimo Gallucci (nipote del più famoso cartapestaio di Lecce); inoltre verranno esposti i quadri "lato8", "lato16" e "lato40" della cartapestaia Carmen Rampino, i quadri in mosaico di legno d'ulivo dell'artista Antonio Russo, le lampade concettuali realizzate in pietra leccese dall'eclettico e giovane artista Gabriele Pici e quelle figurative e ispirate al barocco dell'ormai maturo Massimo Miglietta.

Artisticamente è un evento "Dove si vedono cose che difficilmente si vedono altrove", "originali, belle...bellissime...!" - questi i commenti più frequenti dei visitatori nei tanti anni dell'evento. Un evento che sostiene concretamente l'artigianato artistico, il Made in Italy, il fatto a mano, la nostra piccola ed importante economia, la nostra storia, la nostra cultura – aggiungono gli Organizzatori.

Anche per i bambini ci saranno intrattenimenti e modi di imparare anche svolgendo delle attività inerenti il settore dell'artigianato.

Bambini e adulti potranno infatti realizzare diversi laboratori didattici quali ad esempio: "Decorazione applicata alla creazione di un alberello di Natale" sabato e domenica dalle 15.00 alle 16.00 e dalle 16.30 alle 17.30, "Un pesce in cartapesta" per imparare a fare un pesce usando cartapesta e legni di mare (sabato e domenica, ogni mezz'ora, dalle 14.00 alle 16.00), "Burattinando", laboratorio per preparare piccoli burattini da dita in cartapesta e stoffe (sabato e domenica, ogni mezz'ora, dalle 14.00 alle 16.00), laboratori di decorazione a pirografia su legno e sull'arte ed il lancio delle trottole; inoltre si assisterà a numerose dimostrazioni dal vivo di sartoria, affresco, decorazione sul vetro e tanto altro...

Durante la manifestazione si svolgerà anche il concorso "Giuseppe Maggiolini – L'Abilità Artigiana", premio dedicato all'eccelso ebanista settecentesco che nacque e visse proprio a Parabiago e che quest'anno celebra l'anniversario dei 200 anni dalla morte. Saranno i visitatori ad eleggere l'Artigiano che, tra i partecipanti, saprà meglio esprimere i concetti di abilità, creatività e tecnica. Inoltre, i visitatori di Artisticamente potranno vincere un'originale creazione artistica.

Ceramisti, sarti, pellettieri, falegnami, scultori, tornitori, pittori, decoratori, restauratori, orafi selezionati presenteranno le loro produzioni autentiche e pezzi unici in vetro, legno, carta, ceramica, materiali tessili, pelletteria, cuoio ... creazioni originali ed innovative, che riprendono antiche tecniche ed abilità manifatturiere in chiave moderna... Vi aspettiamo ad Artisticamente!

Parabiago è inoltre, da diversi decenni, la città della Calzatura e pelletteria di altissimo livello, con grandi talenti artigiani tuttora attivi nel campo degli accessori moda, da sabato 22 e 29 sarà anche la "Città delle mostre-artigianali"
la Redazione

Varese - Per quattro giorni, dal 13 al 16 novembre, Varese si è riconfermata capitale del giornalismo digitale con la terza edizione di Glocalnews, il Festival dedicato all'informazione on-line, locale e glocale organizzato da Varesenews.

Glocal14, grazie ad un programma ricco e articolato che ha visto dare largo spazio alla propositività di esperti di alto profilo da ogni parte d'Italia, si è confermato un momento di formazione e condivisione che, è riuscito a stimolare realmente la partecipazione, portando in Città 8mila presenze ai circa 60 appuntamenti del festival.

A confermare il successo ecco i numeri: il liveblog dell'evento è stato seguito da 3.000 utenti unici per 35mila minuti di coinvolgimento; la diretta è stata trasmessa da oltre 80 testate locali e nazionali. 14.000 i tweet generati, 2.400 le foto su Instagram con l'hashtag del festival #glocal14.

«Il successo della terza edizione di Glocalnews conferma l'esigenza e l'urgenza di fare rete, di creare connessioni, a partire da chi opera nel giornalismo locale. Condividere e innovare, ascoltare e cambiare: ne hanno sottolineato l'importanza i massimi esperti del settore, confermando la voglia di guardare al futuro, con entusiasmo, nonostante le difficoltà del panorama nazionale» afferma Marco Giovannelli, direttore di Varesenews e organizzatore del festival.

Grande soddisfazione per la partecipazione di professionisti che ormai considerano l'appuntamento una tradizione e per i nuovi arrivati «Siamo felici per le presenze – prosegue Giovannelli -, ma soprattutto per il clima di energia, entusiasmo e, permetteteci, di affetto che si è generato. Se il cuore del progetto, fin dalla prima edizione, è l'ascolto, ci ripromettiamo di ascoltare gli stimoli ricevuti e di farne ancora una volta tesoro per tutti».

Il festival prevedeva un fitto calendario di eventi incontri, confronti, spettacoli, esperienze e workshop che hanno visto gli interventi di esperti, influencer, opinionisti, ricercatori, politici, imprenditori, top user, artisti e semplici e appassionati da tutto il mondo.

Al prefestival, che ha visto la presenza di Daria Bignardi e Marco Malvaldi, il pubblico ha risposto con calore alla proposta con la presenza di circa 700 persone. Allo spettacolo "A 100 anni dalla Grande Guerra: i diari raccontano" hanno preso parte, invece, 1.000 ragazzi delle scuole superiori del territorio.

Grande successo anche per gli eventi serali, con la proiezione di Italy in a Day, la serata dedicata ad Expo e lo spettacolo di Isabella Ragonese in memoria di Ilaria Alpi e Miran Hrovatin cui hanno partecipato oltre 1.000 persone.

Ai panel si sono alternati quasi 160 relatori, con circa 6mila partecipanti da ogni parte d'Italia.

Ottimo il riscontro di Bloglab, il laboratorio di giornalismo dedicato ai giovani, delle superiori e
delle università, sostenuto dalla Consiglio regionale della Lombardia: vi hanno preso parte
120 ragazzi dai 17 ai 22 anni, realizzando 30 blog per un totale di 200 articoli, 90 video e migliaia di foto. I vincitori di questa edizione sono stati i ragazzi del Liceo Artistico di Busto Arsizio Paolo Candiani di Busto Arsizio della squadra Unburied News. Secondi classificati i Livello Sbloggato dell'Università Insubria, poi Eyes Upon del Liceo Scientifico di Gallarate, Il resto dell'Ernesto del Liceo Classico di Varese e The Watergate Chronicle dell'Università Statale di Milano.


RUBRICHE
Palio Di Leganano
 
Rubrica-TeatroSociale
 
Enogastronomia
 
Rubriche ruotepedali
 
Expo Milano 2015
 
Rubrica Arte
 
Rubrica Interviste

SEGUICI SU


RegioneLombardia Regione Piemonte

Logo provincia Milano

Provincia di Varese

tssss
Expo Logo-Fondazione-Orizzontale resize LionsClub2 logo Distretto dei Laghi logoDistretto33